/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 20 aprile 2019, 17:14

Al bar Lurisia un viaggio di colo con "Le Signora della pittura"

La mostra è stata inaugurata lo scorso 11 aprile e sarà esposta fino al 28 aprile

Al bar Lurisia un viaggio di colo con "Le Signora della pittura"

“Viaggio nel colore “ è il titolo di un’iniziativa artistica di una “comitiva” di quattordici affermate pittrici, “Le Signore della Pittura”,  la maggior parte del monregalese e dintorni. Questo sodalizio “rosa “ opera con la tecnica dell’acquerello, “coadiuvato “ a volte dal pastello.

Il viaggio ora è approdato nella splendida saletta degli artisti del Bar Lurisia, storico prestigioso locale di Mondovì. I quadri delle signore rimarranno esposti al pubblico fino al 28 Aprile. L’idea  di questo progetto artistico e la sua realizzazione sono merito, in particolare, dei titolari del Lurisia,Tonino Marenco e la moglie Lucia Curti, lei stessa valente pittrice e Presidente del gruppo protagonista del “viaggio”. La promozione di iniziative artistiche, e l’allestimento di mostre pittoriche, sono nella loro tradizione familiare e il loro amore per l’arte è segno di grande interesse per la cultura, soprattutto quella del territorio. E’ uno stimolo intellettuale per la città e conferisce un tocco di classe in più al loro prestigioso locale. Questo tra un anno  festeggerà il centenario di attività  e la storica ricorrenza crea un’atmosfera ancor più suggestiva.

L’inaugurazione è avvenuta giovedì 11 aprile u.s. Numerosissimi gli intervenuti. Le pareti della saletta sono state interamente tappezzate coi quadri pieni di colore delle quattordici pittrici. C’è l’azzurro del  mare in tempesta dei “velieri” di Teresa Marsupino. La vita è come un mare in cui spesso si deve lottare per sopravvivere. Sono azzurri i fiori di Daniela Sciandra. C’è Il verde negli occhi di ragazza dello “Sguardo” di Marica Servolo, sguardo intenso, penetrante, “dolorosamente” espressivo. La “Bimba in rosa” di Ingrid Myich è un innocente infantile sorriso alla vita che sboccia. Quasi a farle da contrappunto c’è il grigio colore della vecchiaia di “un passo alla volta” di Lucia Curti. Il bianco di un cesto di uova, in “Al mercato”  di Francesca Tarallo è forse un richiamo alla vicina Pasqua. Galli e galline dalle rosse creste popolano lo spiazzo di “Raduno sull’aia di Silvana Prucca. Egle Colangelo ha fatto una tazza di caffè, che spande il suo “Aroma”nella saletta. Marita Ratto nel suo “Cinguettio” ha ritratto un uccellino che canta tra rosse bacche. Ci sono   il giallo  e il rosa dei fiori in “natura viva”e  “voglia di Primavera” di Franca Chiecchio, Il rosa punteggiato dal nero degli uccelli di Gigliola Serrati. E poi ancora il verde della natura che avvolge le bianche case del borgo, di Luciana Bertolino. Giovedì sera  Lucia Curti e Tonino Marenco hanno fatto gli onori di casa presentando la mostra. Il professor Ernesto Billò è intervenuto con un singolare accostamento tra il trionfo del colore protagonista nei quadri della mostra, distante pochi passi da casa   e il “buco nero “ assoluta assenza di colore “fotografato” per la prima volta in questi giorni e lontano decine di  milioni di anni luce. Erano presenti anche i maestri delle “Signore della Pittura,” Teresita Terreno e Roberto Andreoli.

La serata si è conclusa con un ricco e raffinato rinfresco curato con grande professionalità  da Ivo Gallarate. Fino al 28 di Aprile i visitatori potranno immergersi in un  mondo d’arte pittorica espresso in una pluralità di forme e temi, paesaggistici, figurativi, naturalistici. Un appuntamento da consigliare senza esitazione a chi ama l’arte e comprende come certi eventi siano importanti per la crescita umana e culturale, propria e del territorio.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium