/ Al Direttore

Al Direttore | 26 aprile 2019, 14:43

"La memoria è un dovere morale e civile, ma pare che a Cuneo non sia così"

Riceviamo e pubblichiamo

"La memoria è un dovere morale e civile, ma pare che a Cuneo non sia così"

Gentile Direttore,

sulla rubrica Controcorrente ho letto l'interessante articolo "si sta perdendo la memoria della Lotta di Liberazione".

Grazie anche alla vostra disponibilità, da anni tento di richiamare - ahimè inutilmente - l'attenzione dell'amministrazione comunale e al Sindaco di Cuneo sui sedici martiri (di cui sei ebrei) fucilati settantadue ore prima della liberazione della città.

Ieri, il Presidente Mattarella ha sottolineato che "la memoria è un dovere morale e civile", pare che qui a Cuneo non sia così. Nessuna risposta a quelle tragedie dimenticate, dunque mai commemorate, imbarazzante per una città che si fregia della Medaglia d'oro alla Resistenza.

E' pure di cattivo gusto il "tango della Libertà" ballato a meno di cento metri nei luoghi di detenzione e tortura di via XX Settembre 1.

Grazie,

Sergio Costagli

Al Direttore

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium