/ Speciale elezioni

In Breve

Speciale elezioni | 27 aprile 2019, 21:20

“La scelta elettorale della destra ‘storica’”: l’opinione di Paolo Chiarenza

Riceviamo e pubblichiamo

Roberto Russo

Roberto Russo

Fratelli d’Italia affronta le elezioni regionali con una squadra di candidati qualificata e competente impegnata per conseguire il risultato di eleggere un proprio consigliere in provincia di Cuneo.

Le componenti che costituiscono la base popolare del movimento politico della presidente nazionale Giorgia Meloni sono da sempre fortemente integrate e funzionali alle proposte e agli intenti del partito: la componente nazionale e sociale, quella liberali, quella moderata, oltre a quella protestataria.

La favorevole ondata politica di destra fa convergere oggi su Fratelli d’Italia consensi, adesioni e attenzione, per cui organi di informazione locale ritengono che l’area interna al partito che rischia di venire penalizzata nella rappresentanza territoriale è quella “storica”, che si richiama all’ex MSI di Giorgio Almirante o che fa riferimento all’ex Alleanza Nazionale.

In effetti, quest’area aveva puntato sull’inserimento di Enzo Tassone, consigliere comunale di Peveragno, da anni dirigente del partito, nel listino regionale, che sarebbe quindi risultato eletto in caso di vittoria del candidato presidente del Piemonte Cirio.

Il braccio di ferro finale al vertice non ha permesso  questa soluzione.

Pertanto, il sottoscritto, che ritiene di interpretare il pensiero e le scelte della componente “storica”, popolare e sociale facente parte di F.d.I. invita a indirizzare la  scelta per il Consiglio regionale sul candidato Roberto Russo, di cui indico un succinto curriculum politico che ci interessa. 

Russo si è iscritto al MSI-Alleanza Nazionale nel 1995 e fino al 2007 ha ricoperto la carica di presidente della sezione AN di Bra e di componente della direzione provinciale di Cuneo. Nel 2004 è stato assessore di AN al Comune di Bra.

Nel 2006, con il presidente provinciale AN Ambrogio Invernizzi, ha organizzato a Bra la 1a festa provinciale del partito.  In seguito, a causa delle sopravvenute divisioni interne di AN è passato a Forza Italia  ed è stato assessore ai Trasporti della Provincia di Cuneo.

Credo che Roberto Russo possa rappresentare pienamente sul piano ideale e programmatico gli intenti, le rivendicazioni e le proposte di Fratelli d’Italia:  dal presidenzialismo istituzionale alle infrastrutture stradali e ferroviarie, dalla obiezione alle strumentalizzazioni antifasciste alla ricostituzione della Provincia come partecipazione  dei cittadini nel territorio.

Paolo Chiarenza - Ex dirigente M.S.I. e A.N.

comunicato stampa politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium