/ Eventi

Eventi | 11 maggio 2019, 15:22

Meglio pane e marmellata o un "buon" libro? A Cuneo si sfata un altro "luogo comune sulla cultura"

Grande partecipazione all'incontro di ieri venerdì 10 maggio presso il Cdt. Ospiti d'eccezione Paola Dubini, Giuseppe Laterza e Paolo Verri

Meglio pane e marmellata o un "buon" libro? A Cuneo si sfata un altro "luogo comune sulla cultura"

Il fiume di idee che si getta sugli ospiti dell'incontro ieri, della rassegna “I luoghi comuni della cultura” , venerdì 10 maggio, è immenso e si sfata il mito che con la cultura non si mangi, parlando anche di politica.

Paola Dubini si siede fiera tra i due uomini ospiti dell’evento alla Sala Polivalente del CDT e si respira subito l’idea che la cultura non è noiosa e seria, ma grazie alla semplicità e alla leggerezza si fa cultura in modo sano e divertente.

La conferenza si articola in tre grandi domande principali, ma lo scopo rimane quello di sfatare il mito che con la cultura non si mangi.

Primo ad intervenire è l’editore Giuseppe Laterza, che vede la cultura come un mezzo per creare unità. Questo mezzo, molto spesso viene fatto confluire dagli editori, designati solo come un innesco del processo.  

 

La parola viene poi passata a Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019, che sostiene sia necessario costruire una cultura vera delle comunità e bisogna sconfiggere la paura che ultimamente fa da protagonista tra gli italiani. Questa paura è infatti la paura dell’ignoto, poiché si pensa che manchi sicurezza, che non sono i muri a darci, ma la cultura, che, per natura, tende ad abbatterli.




Il fiume di idee che si getta sugli ospiti è immenso e li travolge in modo così appassionato che il convegno si trova più volte davanti a fragorosi applausi. L’ultimo riecheggia dopo la constatazione che con la cultura si mangia eccome: il mercato culturale è vicino al mercato della guerra, come produttività. Con la grande differenza che con le armi si danneggia, sicuramente, con la cultura, per la meglio, non lo si fa.

La cultura viene poi posta come base dello sviluppo, che deve essere totalmente dissociato dal bilancio.

Ultima giornata di incontri quella di oggi sui “I luoghi comuni sulla cultura” che parleranno appunto di sviluppo e innovazione: questa sera sabato 11 maggio, alle ore 21, allo Spazio Incontri della Fondazione CRC: “L’astrofisica non ci riguarda. Falso!” (in occasione dell’inaugurazione della mostra “Destinazione LUNA: il futuro è adesso” della Fondazione) con Amedeo Balbi e Antonio Pascale.

Tutti gli incontri della rassegna sono tutti a ingresso gratuito, previa registrazione sul sito dedicato all’evento.

Sara Giordano

Загрузка...

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium