/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 14 maggio 2019, 14:33

Mondovì: condannata a quattro mesi per lesioni

Nel 2017 aveva rotto il timpano ad una conoscente durante una lite

Mondovì: condannata a quattro mesi per lesioni

I fatti si erano svolti a Mondovì nel febbraio 2017. La lite sarebbe scaturita da un dissidio fra le donne sulla vendita di vecchi pneumatici di proprietà di una di esse alla madre della persona offesa, che si era rifiutata di pagarli perché in cattivo stato. La vittima aveva raccontato di essere stata ripetutamente colpita al volto e uno degli schiaffi le aveva procurato la lesione di un timpano. Accuse che erano state negate dalle due imputate, che avevano sostenuto di essere state a loro volta aggredite.

Il tribunale di Cuneo ha condannato a 4 mesi di reclusione con la sospensione condizionale E.T., monregalese di origine rumena per lesioni personali e l’ha assolta dall’accusa di violenza privata. Dovrà pagare un risarcimento di 2.000 euro alla vittima che si era costituita parte civile. Assolta la coimputata connazionale S.B..

Tutto il processo si fondava sulla credibilità della donna aggredita. Per il suo legale sul punto non c’erano dubbi: “Il medico che la visitò aveva notato oltre alla lesione del timpano anche segni sul collo ed altre escoriazioni compatibili con un tentativo di strozzamento”.

L’avvocato Antonio Bellu difensore della S.B. ha dato una ricostruzione diversa dei fatti. La parte civile avrebbe dapprima avuto un alterco con E.T. che aveva ricevuto un colpo sulla bocca. In seguito, mentre stava passeggiando con il cane (di una razza simile al pitbull), aveva incontrato S.B. che era stata assalita dall’animale.

E sulla lesione al timpano: “Non è vero che la malattia era durata sei mesi. In pronto soccorso le avevano dato una prognosi di 21 giorni e non si era neppure presentata alla successiva visita di controllo”.

La difesa di E.T. si era associata nella richiesta di assoluzione: “Era stata vista dall’amica con la bocca piena di sangue. Nessuno l’ha vista colpire la parte offesa”.



Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium