/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 14 maggio 2019, 17:05

Saluzzo, aveva rotto con un pugno la mandibola del compagno di cella: condannato a quattro mesi

L’episodio risale al marzo 2017. I due avevano litigato per motivi religiosi

Saluzzo, aveva rotto con un pugno  la mandibola del compagno di cella: condannato a quattro mesi

Aveva colpito il compagno di cella con pugno spaccandogli la mandibola. M. Z., di origine marocchina, è stato condannato dal tribunale di Cuneo a 4 mesi di reclusione per lesioni.

L’episodio risale al marzo 2017. Secondo la ricostruzione del pm, che aveva chiesto la condanna a 11 mesi, i due detenuti nel carcere di Saluzzo avevano litigato per questioni legate alla religione. Un agente della polizia penitenziaria ha testimoniato davanti al giudice che quando era accorso aveva trovato il detenuto che si lamentava di aver ricevuto un pugno.

Il difensore dell’imputato aveva chiesto l’assoluzione o il minimo della pena, sostenendo che non fosse stata raggiunta la prova certa che le lesioni patite (con prognosi di 35 giorni) dal detenuto “persona difficile, già coinvolta in altri episodi analoghi” fossero state conseguenza dell’aggressione da parte di M.Z.. Nessuno infatti aveva assistito direttamente al litigio.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium