/ Scuole e corsi

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuole e corsi | 15 maggio 2019, 13:02

Rischiò la vita per una pastiglia di ecstasy: Giorgia Benusiglio incontra gli studenti di Mondovì

L'evento è organizzato dalla Fidas Monregalese per parlare ai ragazzi dei rischi legati all'assunzione di droghe. Appuntamento il 6 e 7 giugno

Rischiò la vita per una pastiglia di ecstasy: Giorgia Benusiglio incontra gli studenti di Mondovì

Tra meno di un mese, il 6 e 7 giugno, i donatori di sangue della Fidas Monregalese ospiteranno a Mondovì Giorgia Benusiglio, la ragazza che a 17 anni è stata miracolosamente salvata grazie ad un trapianto di fegato, dopo aver assunto una piccola quantità di ecstasy.

Da quel giorno Giorgia ha deciso di trasformare la sua esperienza in una lezione di vita, informando e parlando ai ragazzi dei rischi legati all'assunzione di droghe.

Per questo i donatori di sangue della Fidas Monregalese hanno deciso di coinvolgere tutte le classi prime degli Istituti Superiori di Mondovì che nelle mattinate del 6 e 7 giugno potranno visionare il film “La mia seconda volta”, ispirato alla storia vera di Giorgia Benusiglio: un viaggio verso l’età adulta che tocca le speranze, i timori, le difficoltà e le gioie di ogni percorso di crescita. Al termine della proiezione, i ragazzi delle scuole superiori potranno sentire la testimonianza diretta di Giorgia Benusiglio che risponderà alle domande del giovane pubblico.

Giovedì 6 giugno, alle 21 al Teatro Baretti, è invece prevista una proiezione aperta a tutta la cittadinanza.

“Come donatori di sangue - spiega Mauro Benedetto, Presidente della Fidas Monregalese - riteniamo che la testimonianza diretta e sincera sia la strategia migliore per mettere in guardia i ragazzi più giovani riguardo all’utilizzo di droghe e contemporaneamente spiegare loro l’importanza di una donazione di sangue gratuita, anonima e responsabile. Abbiamo deciso di organizzare questo evento perché promuovere stili di vita salutari è un obiettivo fondamentale per la nostra associazione perché solo in una società sana e basata sull’altruismo si può sostenere e promuovere con responsabilità la donazione di sangue”.

Grazie all’importanza sociale dei temi trattati, l’evento ha ottenuto il patrocinio da parte del Comune di Mondovì.


comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium