/ Agricoltura

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | 16 maggio 2019, 09:58

A Cuneo arriva “Abbiamo riso per una cosa seria"

Due giornate a favore dell'agricoltura e di chi lavora la terra

A Cuneo arriva “Abbiamo riso per una cosa seria"

LVIA partecipa alla Campagna nazionale “Abbiamo riso per una cosa seria" a favore dell'agricoltura familiare in Italia e nel mondo, promossa da FOCSIV – Volontari nel Mondo, insieme a Coldiretti e Campagna Amica. Ritornano così nelle piazze di Cuneo, il 17 e il 25 maggio i pacchi di riso Arborio 100% italiano della FdAI ‐ Filiera proposti, per una donazione minima di 5,00 Euro, dai volontari di LVIA.

I volontari LVIA saranno presenti venerdì 17 maggio, tutto il giorno, a Cuneo, Corso Nizza angolo Piazza Galimberti- Mercato cittadino e sabato 25 maggio, al mattino, a Cuneo, Piazza della Costituzione - Mercato Coldiretti Campagna Amica.

Il prendere quel pacco riso significa fare gesto consapevole, da parte di chi decide di fare una scelta di campo: difendere chi lavora la terra per il diritto al cibo sano e di qualità per tutti.

L'iniziativa coinvolge a livello nazionale, oltre a FOCSIV e Coldiretti, l'Azione Cattolica e i Centri Missionari Diocesani della CEI, grazie alla collaborazione con l’8x1000 alla Chiesa Cattolica e di UBI Banca.

La Campagna è un grande movimento di contadini italiani e del resto del mondo insieme ai consumatori per difendere chi lavora la terra. Una filiera di persone insieme per sostenere le comunità rurali, richiedere politiche adeguate, per la sicurezza alimentare e la salubrità dei cibi, per promuovere il valore dell'agricoltura familiare come risposta alla crisi globale, ai cambiamenti climatici, alle migrazioni. Tutti insieme uniti contro l'abbandono delle terre e il loro l'accaparramento da parte delle multinazionali e delle finanziarie, il caporalato e la schiavitù di chi sottopaga i prodotti agricoli e il lavoro nei campi.

Grazie ai pacchi di riso della Campagna, a Cuneo si può contribuire al progetto di LVIA, che collabora con i contadini del Burundi, tra i paesi più poveri dell’Africa, per migliorare le tecniche agricole dalla produzione alla trasformazione, con l’obiettivo che le famiglie possano sfamarsi meglio ma anche guadagnare del reddito dalla propria attività agricola.

Difendi chi lavora la terra.

www.abbiamorisoperunacosaseria.it #risoxunacosaseria

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium