/ Economia

Economia | 16 maggio 2019, 17:00

Ubi Banca, Confindustria, Confcommercio e Confcooperative: insieme per il welfare aziendale in provincia di Cuneo (VIDEO)

L’istituto di credito e le tre associazioni, attori protagonisti dell’economia del territorio, hanno firmato un Patto Territoriale per la diffusione del welfare aziendale tra le imprese del cuneese. Il progetto punta a promuovere consulenza mirata per l’adozione di modelli di welfare innovativi per le aziende

Ubi Banca, Confindustria, Confcommercio e Confcooperative: insieme per il welfare aziendale in provincia di Cuneo (VIDEO)

Guidare e supportare le imprese che vogliono adottare il welfare aziendale per incrementare la produttività e il benessere dei lavoratori. Con questo obiettivo Confindustria Cuneo, Confcommercio Imprese per l’Italia Provincia di Cuneo, Confcooperative Cuneo e UBI Banca hanno firmato oggi un accordo per promuovere un percorso di introduzione di strumenti di welfare all’interno delle organizzazioni.

La partnership punta a realizzare un progetto congiunto di welfare territoriale che si riveli realmente vantaggioso per il tessuto economico e imprenditoriale di Cuneo e Provincia, promuovendo la conoscenza e l’adozione degli strumenti previsti dalla normativa nazionale verso il miglioramento delle relazioni industriali e del clima aziendale, l’incremento della produttività e del potere d’acquisto dei salari, la diffusione di buone pratiche di welfare aziendale.

La normativa in materia prevede vantaggi come detassazione dei premi di risultato, conversione dei premi di risultato in welfare aziendale e introduzione di forme di welfare aziendale e flexible benefits derivanti dalla contrattazione collettiva nazionale, territoriale o aziendale. Gli effetti positivi dell’adozione delle pratiche di welfare si traducono in incremento della produttività delle imprese, maggiore equilibrio fra vita privata e lavorativa, migliore clima aziendale, maggior potere d’acquisto dei salari e relazioni economiche più efficaci, dove il fattore umano rappresenta il vantaggio competitivo dell’azienda.

Nello specifico UBI Banca, primo istituto bancario italiano ad occuparsi di welfare aziendale attraverso la divisione specializzata UBI Welfare, offre una consulenza evoluta e completa, con servizi integrati e personalizzati per imprese di ogni dimensione. L’offerta della Banca è finalizzata a realizzare un ecosistema territoriale che coinvolge, favorendone lo sviluppo, clienti e fornitori di beni e servizi welfare.

La disponibilità di servizi di qualità sul territorio può facilmente soddisfare i bisogni personali e familiari: assistenza sanitaria, previdenza integrativa, sostegno al reddito, istruzione, tempo libero, cultura, acquisto di beni e servizi, cura della famiglia. Dal punto di vista operativo, l’azienda può contare su una gestione complessiva del piano di welfare aziendale che permette di minimizzare gli oneri amministrativi e operativi a suo carico, mentre il lavoratore dispone di una piattaforma facile da usare e sempre accessibile da PC, tablet e smartphone, con assistenza costante.

"Siamo convinti promotori del Patto che viene firmato oggi e siamo in prima linea nel partecipare ad iniziative che permettano una maggior sensibilizzazione su questi temi, che possono trasformarsi in un volano per l’economia locale - ha dichiarato Mauro Gola, Presidente di Confindustria Cuneo - Oltre ad aver attivato un Servizio dedicato che accompagna le imprese nella predisposizione di accordi e piani di welfare in azienda, abbiamo vinto un bando Regionale che si prefigge di diffondere il welfare aziendale anche con il supporto degli Enti Locali, a favore di imprese ed esercizi commerciali.

“Aderiamo con convinzione – interviene Luca Chiapella, Presidente di Confcommercio-Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo – al protocollo d’intesa per il Patto territoriale per lo sviluppo del welfare aziendale nella provincia di Cuneo, convinti che le aziende del terziario avanzato (commercio, turismo e servizi) possano svolgere un ruolo attivo nella creazione di nuove relazioni sindacali con importanti e positive ricadute sul benessere aziendale”.

“Sono certo – aggiunge Chiapella – che il miglioramento del benessere e della protezione dei lavoratori e delle loro famiglie sia un’iniziativa di sicuro interesse per le aziende che rappresentiamo”.

“L’iniziativa dell’UBI Banca sul Welfare Aziendale, che ci vede coinvolti con Confindustria Cuneo e Confcommercio Cuneo, è per noi di estremo interesse - dichiara Alessandro Durando, Presidente Confcooperative Cuneo - tutto ciò che mette al centro la persona nel luogo di lavoro è parte del nostro codice genetico e in questi anni la nostra Organizzazione ha investito, tra l’altro, proprio in previdenza complementare e sanità integrativa. Sarà fondamentale trovare sul territorio una efficace interazione tra servizi pubblici e privati, comparto in cui noi giochiamo un ruolo significativo con le nostre cooperative sociali. Siamo quindi pronti a co-progettare ed essere attori dello sviluppo del welfare“.

“Il Patto Territoriale firmato oggi costituisce un importante esempio di innovazione sociale
- afferma Rossella Leidi, Vice Direttore Generale e Chief Wealth and Welfare Officer di UBI Banca - che, attraverso l’azione congiunta dei sottoscrittori, mira a realizzare un vero welfare territoriale della provincia di Cuneo, a sostegno del benessere dei lavoratori e delle famiglie, con positive ricadute sulla produttività e sull’economia locale.

Ubi Banca è fortemente impegnata nella diffusione della cultura del welfare aziendale ed offre soluzioni che consentono anche alle piccole e medie imprese, di adottare piani di welfare in grado di soddisfare i bisogni e le aspettative dei propri collaboratori.

L’accordo firmato da UBI Banca e Confindustria a livello nazionale nell’ottobre scorso, nonché i numerosi accordi sottoscritti con le associazioni datoriali e di categoria in tutta Italia sanciscono questo impegno e la volontà di ampliare la platea dei settori e delle imprese interessate.”

Il 16 Maggio presso la sede di UBI Banca in Via Roma 13 a Cuneo, hanno siglato l’accordo Rossella Leidi, Vice Direttore Generale e Chief Wealth and Welfare Officer di UBI Banca, Mauro Gola, Presidente di Confindustria Cuneo, Luca Chiapella, Presidente di Confcommercio Cuneo e Alessandro Durando, Presidente Confcooperative Cuneo.

Durante l’incontro, il Professor Michele Tiraboschi, Ordinario di Diritto del lavoro dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Coordinatore Scientifico di ADAPT e dell’Osservatorio UBI Welfare, ha tenuto un intervento di approfondimento delle principali tematiche del welfare aziendale ed occupazionale in Italia e dei benefici che da esso derivano per le aziende.

REDAZIONE

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium