/ Speciale elezioni

Speciale elezioni | 20 maggio 2019, 13:30

Turismo, Matteo Gagliasso (Lega): "Bisogna fare di più: la Granda è un gioiello quasi sconosciuto"

"Credo sia fondamentale – e ne sento parlare davvero molto poco – una maggiore attenzione al mondo dei social network e di internet, dove si è ormai instaurato l'intero sistema dei pernottamenti e delle prenotazioni"

Matteo Gagliasso

Matteo Gagliasso

Promozione turistica del territorio regionale: una delle tematiche principali che si troverà ad affrontare il futuro esecutivo piemontese.

Matteo Gagliasso - giovanissimo candidato consigliere regionale in forze alla Lega - parla di criticità, possibili soluzioni e del ruolo dei giovani nell' "universo turismo".

- Attualmente, quali sono le principali problematiche del territorio cuneese?

In materia di promozione turistica dei nostri territori credo si possa fare molto di più: l'intera provincia Granda è un gioiello quasi del tutto sconosciuto, paradossalmente anche ai suoi stessi abitanti. È necessario mettere i comuni e le Comunità Montane in condizione di produrre sforzi più ampi e significativi, realizzando un vero e proprio “piano turistico” che coinvolga l'intero territorio e lo metta in comunicazione con quello regionale, e che sappia mettere “in rete” tutti gli addetti ai lavori; l'esempio – per il territorio saviglianese tra gli altri -  devono essere le Langhe e il Roero, dove si è riusciti a promuovere in modo straordinario un luogo fino a quindici anni prima praticamente sconosciuto.

- Nel caso di un suo arrivo in Regione, dove e come bisognerà lavorare sulla tematica dello sviluppo turistico?

Credo sia fondamentale – e ne sento parlare davvero molto poco – una maggiore attenzione al mondo dei social network e di internet, dove si è ormai instaurato l'intero sistema dei pernottamenti e delle prenotazioni: è necessario che tutti i coinvolti nel “mondo turismo” ne comprendano l'importanza e vengano messi in condizione di potersi aggiornare conseguentemente.Non solo quindi gli attori del comparto devono “fare rete”, ma devono anche essere “messi in Rete”.

- In questo processo, che ruolo possono avere i giovani?

I giovani sono indubbiamente il futuro del sistema turistico, e all'estero viene dato ampio spazio a loro e alla loro maggiore capacità nelle lingue straniere (tra le altre). La maggior presenza di giovani può risultare fondamentale non solo nella programmazione dell'attività turistica, ma anche nell'attirare nuovi turisti: dobbiamo quindi fare in modo di avvicinare il nostro futuro alle persone che arriveranno nel nostro territorio, nelle nostre intenzioni fermandocisi per un periodo di tempo il più possibile prolungato.

comunicazione politica elettorale

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium