Agricoltura - 21 maggio 2019, 08:15

Freddo e maltempo, Coldiretti lancia l'SOS per il miele cuneese

A picco la produzione di miele d’acacia, male anche per ciliegio e tarassaco

Foto generica

Foto generica

Il freddo e il maltempo di questo pazzo maggio destano grandi preoccupazioni tra gli apicoltori cuneesi e non solo. L’allarme, lanciato da Coldiretti e diffuso lungo tutta la Penisola, guasta la Giornata mondiale delle api istituita un anno fa dall’ONU, che si festeggia oggi.

L’inverno particolarmente mite ha favorito lo sviluppo degli alveari in tutta la Granda, che ad inizio primavera si presentavano in ottime condizioni. Ma il clima freddo e perturbato delle ultime settimane ha danneggiato le fioriture e impedito alle api di uscire dagli alveari per raccogliere nettare, compromettendo le produzioni di miele di ciliegio, tarassaco e acacia. A risentirne maggiormente è stata proprio l’acacia poiché i suoi fiori, sotto i 20 gradi, non sono in grado di produrre nettare” spiegano i tecnici di Coldiretti Cuneo.

La sofferenza delle api è uno degli effetti dei cambiamenti climatici in atto. A risentirne, in particolar modo, è la produzione di miele d’acacia, tra i più richiesti dal mercato, per cui auspichiamo al più presto in un cambio di rotta del meteo. Il rischio - fa notare Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo - è quello di incrementare l’arrivo di miele estero se la nostra produzione sarà scarsa”.

Nell’ultimo decennio il settore apistico cuneese ha conosciuto una forte crescita. Secondo i dati dell’ultimo censimento apicoltori, Cuneo è la seconda provincia piemontese per numero di aziende attive (1.417 nel 2017) e la prima per numero di apiari (5.091 nel 2017). Tuttavia, “dopo un 2017 disastroso e un 2018 in lieve ripresa, si preannuncia un’altra annata nera per i nostri apicoltori. Le ripercussioni sul mercato potrebbero estendersi alle prossime annate, qualora gli operatori commerciali dovessero aprire quest’anno nuovi canali d’ingresso per miele proveniente da altri Paesi europei od extracomunitari”, evidenzia Tino Arosio, Direttore di Coldiretti Cuneo.

A far concorrenza al miele cuneese è l’Est Europa, Ungheria in particolare, ma anche Slovenia, Romania, Serbia e Ucraina, da cui proviene una gran quantità di miele a basso costo e che non rispetta i nostri standard qualitativi. Per questo - continuano Moncalvo e Arosio - ricordiamo ai consumatori di leggere con attenzione l’etichetta, poiché l’indicazione d’origine è obbligatoria per il miele, e di privilegiare gli acquisti presso i punti di vendita diretta Campagna Amica in azienda o nei mercati, per avere garanzia di tracciabilità e qualità e sostenere l’apicoltura Made in Cuneo”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
SU