/ Attualità

Attualità | 22 maggio 2019, 12:23

Verzuolo, il cane H’cico ritrova Samuele in un’ auto nell'officina Afp: ma è una maxi esercitazione

Ieri nell’Afp verzuolese simulata l’evacuazione di 170 allievi dalla sede. L’operazione organizzata dall'Associazione Psicologi per i Popoli Piemonte ha visto in campo Forze dell’Ordine, Esercito, Unità di soccorso, associazioni

Verzuolo: centro Afp, maxi esercitazione antincendio

Verzuolo: centro Afp, maxi esercitazione antincendio

 

Un alunno, Samuele Peiracca della 2A risulta mancante all’appello fatto da docenti e direzione dopo l’evacuazione della sede AFP di Verzuolo. E’ uno dei momenti più concitati delle operazioni che fanno entrare subito in azione l’ Unità cinofila dei Carabinieri di Fossano. 

E’ "H’cico" pastore belga di 7 anni, con una grande esperienza di ritrovamenti (ad Amatrice e a Genova nel crollo del ponte Morandi) a condurre con sicurezza dove si trova il ragazzo: sul sedile posteriore di un'auto nell'officina meccanica del Centro.

Entra in campo la Croce rossa di Manta, perché il giovane appare privo di sensi.  Tutto si risolve per il meglio e il ragazzo (che finge abilmente) viene preso in carico dai soccorritori.

Sì, una finzione fortunatamente, perché l’Agenzia formativa è stata, ieri martedì 21 maggio, scenario della maxi simulazione antincendio proposta dall'Associazione Psicologi per i Popoli Piemonte all’Afp e coordinata da Francesca Ponzalino dell'associazione stessa con Franco De Luca (responsabile Coordinamento provinciale del Volontariato di Protezione civile).

Tutto è andato come da programma ed ha visto in scena numerose forze del soccorso: Protezione Civile con il Coordinamento Provinciale, i gruppi di Verzuolo e Aib locali, i medici e i veterinari, il Soccorso alpino, la Croce Rossa, il gruppo cinofilo dei Carabinieri e l'Esercito.

L’operazione è iniziata intorno alle 9,30 quando nella sede è suonata la sirena dell’allarme per un incendio, provocato ad arte da fumogeni vicino alla caldaia esterna. Immediata l'evacuazione e l'abbandono delle aule da parte dei 170 allievi, colti di sorpresa ed emozionati per la situazione.

“Ogni anno sperimentiamo queste procedure - spiega il direttore del Centro verzuolese Massimo Gianti - Quest’anno le abbiamo inglobate più efficacemente all’interno del progetto presentatoci da Psicologi per i Popoli Piemonte, ritenendo l’esperienza diretta molto efficace”.

“Afp è molta attenta alla formazione in questo ambito degli allievi. L’esercitazione sarà utile a loro anche  nel mondo del lavoro quando ci saranno situazioni di pericolo – sottolinea il direttore generale Ingrid Brizio, ringraziando Forze dell’Ordine, Esercito e tutte le associazioni che hanno partecipato.

Al termine delle operazioni gli allievi hanno potuto prendere visione delle attrezzature e mezzi in dotazione delle Unità intervenute con  spiegazione da parte degli operatori incaricati. Tra questi il 32° reggimento “Guastatori” con il loro robot.

Dopo il ritorno in aula, si sono tenuti briefing informativi a cura di Psicologi per i Popoli Piemonte:  “Sapersi comportare in caso di emergenza passa necessariamente tramite azioni di prevenzione”.  Il ruolo degli psicologi è stato anche quello di intervenire nelle situazioni di panico e paura.

 

vilma brignone

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium