/ 

In Breve

| 22 maggio 2019, 16:31

Bachiorrini (FI): “Il dormitorio per migranti è costato ai saluzzesi 132mila euro, oltre alle spese di gestione da sostenere ogni anno”

“400mila euro i costi. 308mila euro gli incassi per il Comune. Disavanzo in perdita, dunque, di 132mila euro, a totale carico delle casse del Comune, e quindi dei cittadini”

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Non è vero che il PAS non costa niente ai saluzzesi”.

Fulvio Bachiorrini, candidato al Consiglio comunale della Città di Saluzzo per Forza Italia, commenta i “costi definitivi del progetto Prima Accoglienza Stagionali” messo in piedi dall’Amministrazione comunale e che, lo scorso anno, ha portato all’apertura di un dormitorio temporaneo nell’ex caserma Filippi, al Foro Boario.

Il costo definitivo – aggiunge – si aggira intorno ai 400mila euro. 45mila solo per acqua, gas e luce, 131mila per la cooperativa, a cui il servizio di gestione è stato affidato senza nessun avviso pubblico per le eventuali manifestazioni di interesse.

Gli incassi per il Comune stando alle dichiarazioni del sindaco, si attestano a 308mila euro. Disavanzo in perdita, dunque, di 132mila euro, a totale carico delle casse del Comune, e quindi dei cittadini, oltre ad altri oneri non quantificati e non pervenuti.

Oltre a ciò, sono in fase di esecuzione i lavori di sistemazione dell’ex casa del custode del cimitero, per un totale di 155mila euro, nuovamente (e a totale) carico del Comune, oltre ai costi di gestione mai ufficializzati.

Nel 2019, con la riapertura del PAS, il Comune dovrà nuovamente sostenere i costi di gestione del dormitorio.

Ultimo, ma non per ordine di importanza, nel 2018 a Saluzzo sono stati presenti 1150 migranti, a fronte di un numero di contratti regolari (riferiti alle sole aziende della città) mai ufficializzati dal sindaco, che nell’anno precedente ammontavano a soli 400, con appena 330 assunzioni.

Se vinceremo le elezioni faremo immediatamente verificare le procedure edilizie interne al PAS, incluso rispetto delle norme di sicurezza, prevenzione incendi e igiene pubblica. La legittimità edilizia non è un obbligo solo per i cittadini saluzzesi.

Infine, valuteremo la congruità del rapporto tra numeri di migranti a Saluzzo e assunzioni di lavoro tramite il centro per l’impiego: l’ordine e la sicurezza dei cittadini saluzzesi è, per noi, una priorità”.

comunicato politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium