/ 

In Breve

| 22 maggio 2019, 18:23

Piano regolatore, sicurezza, reperimento fondi e miglioramento dei servizi al cittadino: il programma del candidato sindaco Riberi per Limone Piemonte

La campagna elettorale della lista civica “ViviAmo Limone” si chiuderà venerdì 24 maggio con un apericena alla pizzeria osteria “Poi ti dico” in via Roma 86, a partire dalle 19.30

Massimo Riberi

Massimo Riberi

Apericena con i candidati per chiudere la campagna elettorale di Massimo Riberi a Limone Piemonte. Appuntamento venerdì 24 maggio, a partire dalle 19.30 presso la pizzeria osteria “Poi ti dico” in via Roma 86.

Un ultimo incontro informale per chiacchierare con il candidato sindaco e i candidati consiglieri del programma della lista “ViviAmo Limone Piemonte”.

I 10 punti qualificanti del programma: comune e urbanistica; sicurezza; politiche sociali; viabilità; impianti sciistici e lo sport; turismo e montagna; commercio; riqualificazione area ex palaghiaccio; politiche giovanili; fiscalità. La prima parte già spiegata in un precedente articolo.

“Prima di proseguire ad elencare gli altri punti qualificanti del nostro programma intendo fare alcune precisazioni in merito alle richieste di approfondimento da parte di numerosi cittadini limonesi, circa la variante strutturale al piano regolatore per disciplinare la riduzione delle fasce di rispetto ai corsi d'acqua – spiega Riberi -. Preciso che non è nostra intenzione liberalizzare indiscriminatamente l'attività costruttiva, ma solo consolidare le situazioni preesistenti in assenza di pericoli per la popolazione.

Il Comune può legittimamente disciplinare la materia regolata dal R.D. del 1904 come peraltro riconosciuto da numerose sentenze, purchè ciò avvenga in linea generale a fronte di situazioni individuate.

La nostra lista vuole essere accanto al cittadino e ove vi è un problema segnalato intervenire il prima possibile; proprio in quest’ottica deve essere visto il provvedimento di cui sopra, un aiuto a quei nostri concittadini che hanno un problema e non un intervento di strumentalizzazione ai fini di aggiungere nuovi interventi edilizi”.

Nell’ottica di un grande intervento di riqualificazione urbana Massimo Riberi intende approvare un nuovo piano sia per l’arredo urbano che per i dehor. Ma anche uno studio per la sistemazione di dissuasori automatici nonché la sistemazione della illuminazione pubblica in tutto il Comune: “Procedendo con la sostituzione delle lampadine tradizionali con lampade a Led, che permetterà una migliore illuminazione ed un grande risparmio energetico e di costi. Proseguiremo con la redazione di un piano colore a seguito del quale potranno essere erogati contributi ai singoli cittadini che interverranno sui propri fabbricati per riqualificarli. Punteremo al potenziamento delle rete WiFi ed inoltre all’ individuazione di un'area atta alla realizzazione di un eliporto per il soccorso e turistico che risolva l'annoso problema dell'atterraggio degli aeromobili di soccorso e che possa inoltre far crescere anche turisticamente il nostro paese”.

“Grande attenzione, da parte sia degli amministratori che degli Uffici, verrà dedicata alla ricerca del reperimento di possibili fondi elargiti dalla Comunità Europea, Stato, Regioni o Enti e Fondazioni.

Un altro punto che ci sta molto a cuore è il miglioramento dei servizi al cittadino. Il Comune deve diventare la casa dei Limonesi, un luogo in cui ciascuno viene accolto, informato e consigliato con cortesia e chiarezza. Un luogo in cui il cittadino e le imprese sono trattate con rispetto e nel quale si possa costruire un rapporto di fiducia reciproco. E questo vogliamo farlo con la riqualificazione degli Uffici comunali, dando la possibilità ai nostri cittadini di fruire delle certificazioni online e cercando di sburocratizzare l’attività amministrativa per offrire un servizio più rapido, snello e immediato, valorizzando l’esperienza e la professionalità dei dipendenti e dei funzionari”.

Un punto imprescindibile è quello relativo alla sicurezza: “Obiettivo fondamentale ed irrinunciabile di ogni amministrazione è quello di rendere concretamente sicuro il luogo in cui vivono i propri cittadini: pertanto per garantire che Limone continui a rimanere un paese tranquillo, è necessario un maggior controllo del territorio non solo con l’ausilio della nuova tecnologia (estensione della videosorveglianza pubblica) ma anche con l’incremento dell’organico del personale della Polizia Locale”.

“Tutti i punti sopra elencati in modo molto sintetico, sono stati frutto di una attenta valutazione alle problematiche di Limone e dei suoi residenti e sono stati inseriti nel nostro Programma “Le priorità in 10 punti” già da mesi – conclude Riberi -. Non sono pertanto il risultato di considerazioni emerse negli ultimi giorni necessarie al dibattito di confronto con la popolazione. Confido nella fiducia dei Limonesi e li aspetto il 26 maggio”.

comunicato politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium