Eventi - 22 maggio 2019, 09:03

Screening diabete e Premio eloquenza: un sabato di intensa attività Lionistica

Eventi realizzati nell’ottica del “servizio”, autentico imperativo morale dell’Associazione. Di assistenza diagnostica e di supporto informativo la prima. Di promozione culturale e di stimolo alla riflessione etico-sociale la seconda

Screening diabete e Premio eloquenza: un sabato di intensa attività Lionistica

Sabato 18 maggio, giornata piovosa, con temperatura ad di sotto della media stagionale. Circostanza, questa, che si concilia con la permanenza in casa piuttosto che favorire l’uscita all’aperto, le passeggiate lungo i portici, con lo shopping e gli acquisti del sabato. Eppure, nonostante le precarie condizioni meteorologiche e climatiche, lo screening per la prevenzione del diabete, svoltosi a Cuneo, in corso Nizza, angolo Corso Dante, ha avuto un notevole successo.

L’iniziativa, promossa dal Lions Club Cuneo a favore della popolazione, vanta al suo attivo un’esperienza pluriennale e una valenza sanitaria di tutto rilievo. In effetti, come sempre, non si è limitata alla misurazione della glicemia, ma ha attivato un supplemento diagnostico, attraverso la somministrazione di un test scientificamente validato, che ha permesso di stimare la probabilità di sviluppare un diabete entro 10 anni.

La risposta della cittadinanza è stata apprezzabile e ha fatto registrare ben 350 accessi. Un risultato davvero gratificante, in considerazione delle precarie condizioni meteo, che testimonia la bontà e la validità di un servizio, collegialmente gestito, a favore dei cittadini.

A riprova, tra l’altro, del rilievo sociale e sanitario degli interventi finalizzati all’informazione, alla sensibilizzazione e alla prevenzione.

La giornata – è doveroso sottolinearlo – ha chiaramente evidenziato una preziosa ed efficace collaborazione tra Club di servizio, Associazioni e Istituzioni.

Hanno infatti collaborato con i volontari del Lions Club Cuneo una dietista e un diabetologo dell’ASO “S.Croce e Carle”, 4 studenti del Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche di Cuneo, accompagnati dalla loro tutor, nonché la Croce Rossa Italiana con un valido e funzionale supporto logistico.

Occorre, inoltre, segnalare la partecipazione e il prezioso contributo operativo offerto da alcuni membri dell’Associazione “Diabete No Limits” di Cuneo. Si tratta di un “sodalizio”, fondato alcuni anni fa da persone affette da diabete tipo 1 e 2, con lo scopo di confrontare e condividere le rispettive esperienze e promuovere incontri formativi e informativi, unitamente ad attività sportive e ludiche funzionali alla terapia diabetica. Attualmente conta un centinaio di iscritti.

Alle ore 16, ha preso il via il secondo service della giornata, facente capo alla finale distrettuale del Premio Eloquenza 2019.

Nella splendida cornice del Salone d’Onore del Municipio di Cuneo, si sono confrontati sul terreno dell’ars oratoria nove candidati, rispettivamente i primi classificati nelle finali cittadine di Cuneo, Mondovì e Spotorno.

I lavori sono stati introdotti dal Presidente del Lions Club Cuneo, Michele Girardo, che ha delineato l’itinerario storico del concorso, nonché i connotati etici, sociali e culturali che ne stanno alla base e lo elevano a importante service, inserito nella programmazione distrettuale. Ha fatto seguito il saluto del Governatore Ildebrando Gambarelli, che si è brevemente soffermato sugli obiettivi e sulla missione del Lions Clubs International, esprimendo, tra l’altro, un vivo apprezzamento nei confronti del concorso, giudicato molto importante per la maturazione personale e sociale dei giovani.

Di fronte a una Commissione giudicatrice presieduta dal Governatore e composta da altri quattro membri: tre soci Lion (Luigi Amorosa, Pietro Botto, Giuseppe Cornelio) e un giurato esterno, nella persona del prof. Sergio Soave dell’Università degli Studi di Torino, ha preso il via il percorso eloquenziale, avente come tematica la seguente frase di Helen Keller: “La vera felicità non è ottenuta tramite l’autogratificazione, ma attraverso la fedeltà ad un proposito degno”.

Tutti i concorrenti si sono dimostrati veramente capaci di esporre e di esporsi con disinvoltura, competenza ed efficacia oratoria, affrontando la materia con intelligenza e cognizione di causa. Le allocuzioni pronunciate sono state pertinenti e articolate, nonché supportate da opportune citazioni, da considerazioni personali, da esperienze di vita concretamente vissute e da esempi incisivi ed efficaci.

Al termine delle audizioni, la Commissione si è ritirata e, dopo un attento e meticoloso controllo dei punteggi attribuiti ai vari concorrenti, ha formalizzato le risultanze delle prove. Si è quindi proceduto alla proclamazione e alla premiazione dei tre vincitori da parte del Governatore: 1°posto Gonzalez Valentina (Istituto “Cigna”- Mondovì), 2°posto Botto Rachele (Istituto “Baruffi”- Mondovì), 3°posto Marengo Giancarlo (ITC “Bonelli”- Cuneo).

La giornata di sabato 18 maggio ha espresso, con le due attività sopra descritte, un vero spaccato dell’attività lionistica. Di assistenza diagnostica e di supporto informativo la prima. Di promozione culturale e di stimolo alla riflessione etico-sociale la seconda. Entrambe realizzate nell’ottica del “servizio”, autentico imperativo morale dell’Associazione.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
SU