/ Politica

Politica | 23 maggio 2019, 19:12

Maria Peano: “La montagna è un valore aggiunto per la nostra provincia Granda. Per questo mi impegno a portare avanti le istanze dell’Uncem”

La candidata del Pd in Regione Piemonte: “Tutelare l’ambiente senza dimenticare le esigenze dei cittadini delle aree montane è una delle priorità per una politica del futuro capace, concreta e attenta al territorio”

Maria Peano

Maria Peano

 “Vivo da sempre a Boves, uno dei tanti comuni della provincia di Cuneo che non supera i dieci mila abitanti. Una realtà a misura d’uomo e di bambino, dove ci si conosce più o meno tutti e dove la percezione del senso di comunita è molto alto. La qualità della vita è ottima e non è paragonabile a quella delle grandi città per il traffico, la sicurezza percepita, il livello di stress quotidiano.

Ma tutto questo non basta per impedire, soprattutto ai giovani, di allontanarsi dalle realtà cittadine più piccole della Granda, per poter usufruire di un maggior numero di servizi, efficienti e a portata di mano. Per questo sottoscrivo il manifesto dell’Uncem, l'Unione dei Comuni e degli Enti montani, che stimola ed incoraggia la politica ad essere più presente, a fare di più per la montagna, affinché abbia le giuste attenzioni, le attenzioni che merita".

Con queste parole Maria Peano - candidata capolista per il Pd, alle elezioni della Regione Piemonte a sostegno del candidato presidente Sergio Chiamparino - sottoscrive il Manifesto che la Delegazione piemontese dell'Uncem ha diffuso tra candidati e partiti in vista delle elezioni regionali di domenica 26 maggio.

“Non solo sottoscrivo e sostengo il manifesto del sempre attento presidente dell’Uncem Lido Riba”, prosegue Maria Peano “ma fin da questo momento mi impegno a portarne avanti le istanze, come ho sempre fatto, fin da quando, nel 2004, ho avuto l’onore di impegnarmi per il mio Comune, come assessore alle politiche sociali, della salute e ambiente a Boves”.

“Più attenzione al paesaggio ma anche a chi lo vive, come cittadino o come azienda, sono i due pilastri fondamentali di una politica del futuro attenta e consapevole - sottolinea Peano -. Conosco molto da vicino le tematiche e le difficoltà di far convivere biodiversità, impresa, cura per l’ambiente ed attenzione alle esigenze dei residenti. Una sfida dura, è vero, ma non impossibile, che insieme è possibile vincere”.

“Condivido in modo particolare il passaggio nel quale sul Manifesto Uncem si legge: "La città deve riconoscere un nuovo ruolo alla montagna e la Regione deve garantire servizi e opportunità di sviluppo ai territori, aperti all'Europa. La Regione dia forza e funzioni alle Unioni montane di Comuni, a tutti i Comuni montani, garantendo loro risorse e sostegno nell'impegno istituzionale dei Sindaci e degli Amministratori. Dignità e autonomia per poter essere protagonisti con le loro comunità, in un quadro Europeo nel quale le Alpi sono cerniera e non barriera”

“La Regione - conclude la candidata Maria Peano - ha un importante ruolo di aggregazione tra i territori, di anello di congiunzione tra il Piemonte rurale ed il resto del mondo e deve saper far crescere ogni vallata ricercandone e sostenendone le peculiarità. Un turismo sostenibile, una particolare attenzione al paesaggio, sgravi fiscali ed incentivi per chi decide di vivere, di creare una famiglia o un’impresa in un luogo di montagna, sono le basi dalle quali iniziare un lavoro di tutela e sostegno della montagna cuneese che potrebbe diventare, come in parte è già, una spettacolare vetrina per incentivare lo sviluppo di tutta la nostra bellissima e laboriosa provincia Granda”.

 

Comunicato politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium