/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 24 maggio 2019, 15:35

Riparte l'operazione "Strade sicure": partecipa anche il 2° Reggimento alpini di Cuneo

In un anno di attività effettuati circa 60.000 controlli a personale e 12.500 a veicoli, contribuendo a 105 arresti, 140 denunce, 84 fermi ed al sequestro di totali 12 kg di sostanze stupefacenti varie

Riparte l'operazione "Strade sicure": partecipa anche il 2° Reggimento alpini di Cuneo

Il 2° Reggimento alpini, di stanza a Cuneo, comandato dal Colonnello Marcello Orsi, cede il comando del Raggruppamento Piemonte – Liguria al Reggimento Nizza Cavalleria (1°) di Bellinzago Novarese, comandato dal pari grado Matteo Rizzitelli, per la condotta dell’Operazione “Strade Sicure”, che l’Esercito conduce in supporto alle Forze dell’Ordine.  

Dalla seconda metà del mese di giugno 2018 il Raggruppamento Piemonte – Liguria - realtà che racchiude, attualmente, diversi Reggimenti della Brigata Alpina “Taurinense” ( il Reggimento Logistico Taurinense e 32° Reggimento Genio Guatatori) e nella fase iniziale anche del Centro Addestramento Alpino di Aosta - sotto la guida del 2° Reggimento Alpini, ha assunto la responsabilità dell’Operazione per garantire ed incrementare la sicurezza presso i principali luoghi sensibili – stazioni ferroviarie, aeroporti, tribunali, luoghi di culto, valichi di frontiera e Centri di Permanenza per il Rimpatrio – delle città di Torino, Genova, Vercelli, Bardonecchia, Ventimiglia e Aosta, fornendo ulteriori militari per la vigilanza dell’Aeroporto Internazionale di Fiumicino e della stazione di Brescia.  

In un anno di attività, gli Alpini dell’Esercito si sono distinti, per i risultati operativi conseguiti: circa 60.000 controlli a personale e 12.500 a veicoli, contribuendo a 105 arresti, 140 denunce, 84 fermi ed al sequestro di totali 12 kg di sostanze stupefacenti varie. Di fondamentale importanza anche l’impegno del Raggruppamento nella condotta dell’Operazione di “presidio” e  “antisciacallaggio” nella Zona Rossa, limitrofa al Ponte Morandi, in Genova, crollato nel mese di agosto 2018, a salvaguardia delle abitazioni e dei beni della popolazione, colpita dalla sciagura. In riferimento a quest’ultima esigenza hanno concorso anche assetti del 32° Genio Guastatori, del 1° Reggimento artiglieria da montagna, del 3° Reggimento alpini e del Reggimento Nizza Cavalleria (1°)  

Risultati che oltre ad essere una concreta dimostrazione della capacità duale della Forza Armata, sono il frutto di una comprovata esperienza e professionalità maturata, dalle Unità dell’Esercito, componenti il Raggruppamento, nei molteplici contesti operativi italiani ed esteri.  

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium