/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 25 maggio 2019, 15:48

CoRaggi: uno spazio prezioso per alunni e insegnanti

Bilancio in Fondazione CRC della prima annualità del progetto dell’associazione Raggi da oltre Confine che quest’anno scolastico ha visto coinvolte 5 scuole medie inferiori - Busca Cervasca, Borgo San Giuseppe, Boves e Marene -, il Liceo Scientifico e Classico di Cuneo e l’Istituto Agrario di Cuneo

CoRaggi: uno spazio prezioso per alunni e insegnanti

Venerdì scorso, 17 maggio, si è conclusa la prima annualità di CoRaggi, il progetto dell’associazione Raggi da oltre Confine che quest’anno scolastico ha visto coinvolte 5 scuole medie inferiori - Busca Cervasca, Borgo San Giuseppe, Boves e Marene -, il Liceo Scientifico e Classico di Cuneo e l’Istituto Agrario di Cuneo.

Per l’occasione è stata organizzata una tavola rotonda, presso lo Spazio Incontri della Fondazione CRC, in cui hanno parlato i docenti coinvolti.

La sala si è piano piano riempita e, malgrado la pioggia, si è scaldata fin da subito, grazie all’intervento di Giuseppe Viada, Consigliere Generale della Fondazione CRC, che ha aperto i lavori toccando la corda delle emozioni. Dopo l’introduzione, dove Sandri e la psicologa Elisa Daniele hanno descritto come si sono svolti i laboratori all’interno delle aule, le sette insegnanti delle scuole coinvolte hanno dato vita a quaranta minuti di racconto denso e toccante, dove si sono messe in gioco descrivendo i sentimenti e le emozioni provate durante i laboratori.

Quel che è emerso è che CoRaggi è stato uno spazio prezioso per alunni e insegnanti, accogliente e sicuro, in cui affrontare le emozioni, dichiararle e poterle “guardare in faccia”, senza quelle paure che solitamente si avvertono in classe. Un’occasione per abbattere i muri tra alunni e insegnanti e, per questi ultimi, di conoscere l’emotività dei ragazzi.

Due ragazze della scuola di Cervasca hanno poi emozionato tutti, descrivendo in modo esemplare come l’inizio dell’adolescenza sia davvero un periodo di grande paura e trasformazione: l’alfabetizzazione emotiva offerta dai laboratori di Coraggi è stata per loro uno spazio “lento e di ascolto”, fondamentale per conoscersi meglio, una bussola per capire meglio se stessi e la direzione da prendere.

In conclusione, due rappresentanti di aziende che sostengono economicamente il progetto, finanziato in gran parte dalla Fondazione CRC, hanno raccontato perché da anni sostengono il progetto, dando il colpo di grazia definitivo a chi ancora tratteneva le lacrime.

La serata si è poi avviata alla conclusione con la presentazione dei dati finali emersi dai 671 questionari che i ragazzi di Coraggi hanno compilato in forma anonima: il 98% ha considerato questa esperienza positiva, di aiuto, da proseguire il prossimo anno e il 90% la consiglierebbe ai compagni.”.

Questo incontro ha confermato l’importanza di mettere al centro la PERSONA, con tutte le sue potenzialità e fragilità, creatività ed emozioni, e la grande soddisfazione di poter collaborare con una scuola (dirigenti, insegnanti e studenti) capace di valorizzare le capacità e le attitudini che fanno di ognuno di noi un unico, irripetibile e meraviglioso capolavoro.

Non rimane dunque che dare appuntamento al prossimo anno scolastico, con la partenza della nuova iniziativa progettuale “Aggiungi un posto a tavola”, aperto a tutte le scuole che vorranno sperimentare in prima persona questo percorso.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium