/ Confartigianato notizie

Confartigianato notizie | 03 giugno 2019, 12:13

L’ANAP di Confartigianato Cuneo conta quattro nuovi “Maestri d’Opera e d’Esperienza”

Il riconoscimento è riservato ai Soci che abbiano svolto per almeno 25 anni la propria attività, dimostrando perizia, passione, impegno e correttezza professionale

L’ANAP di Confartigianato Cuneo conta quattro nuovi “Maestri d’Opera e d’Esperienza”

L’ANAP – Associazione Nazionale Anziani e Pensionati – di Confartigianato Cuneo conta 4 nuovi “Maestri d’Opera e d’Esperienza”.

Il riconoscimento è riservato ai Soci che abbiano svolto per almeno 25 anni la propria attività, dimostrando perizia, passione, impegno e correttezza professionale. Questi gli insigniti: Mario Albertino, impianti idraulici, Mango; Giacomo Bogetti, impianti elettrici, Fossano; Angela Maria Longo, parrucchiera, Neive; Mario Rigo, impresa edile, Alba. I nuovi “Maestri” sono stati insigniti in una partecipata cerimonia, realizzata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, lo scorso 2 giugno, presso il Baladin Open Garden di Piozzo.

"L’iscrizione – commenta Giuseppe Ambrosoli, presidente ANAP Confartigianato Cuneo – non rappresenta una semplice lista anagrafica dei soci anziani dell’Anap. Essa costituisce un valido strumento mirato a valorizzare e sottolineare l’importanza del lavoro svolto dai Maestri iscritti, con particolare attenzione alle innovazioni introdotte ed al contributo offerto nel diffondere – grazie al loro talento – l’affermazione del “made in Italy”, espressione di qualità, competenza e creatività, che tutto il mondo ci invidia".

L’evento ha visto la partecipazione, tra gli altri, di Antonio Acconciaioco, sindaco di Piozzo; Franco Roagna, presidente di Confartigianato Cuneo – Zona di Carrù; Domenico Massimino, vicepresidente nazionale di Confartigianato Imprese; Roberto Ganzinelli, presidente della Confartigianato Fidi Cuneo; Mirella Marenco, componente del Consiglio Generale della Fondazione CRC. Al termine della cerimonia, dopo un pranzo conviviale, il “patron” del Baladin Teo Musso è intervenuto ponendo l’accento sulla centralità del “Valore Artigiano”, sempre più apprezzato in Italia e all’estero.

Il gruppo ha poi concluso la giornata con una visita al birrificio artigianale, approfondendo il processo di produzione della birra e degli altri prodotti Baladin.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium