/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | 10 giugno 2019, 13:39

Piemonte in calo: ancora un trimestre di sofferenza, ma Cuneo resta provincia trainante

I dati Unioncamere ribadiscono una situazione di difficoltà: -0,4%. I mezzi di trasporto frenano con FCA. Ilotte: "Dobbiamo sfruttare meglio i Fondi UE". Solo Cuneo e Alessandria in terreno positivo

Piemonte in calo: ancora un trimestre di sofferenza, ma Cuneo resta provincia trainante

Se di solito bastano tre indizi per fare una prova, qui allora siamo ai margini della certezza: cala ancora la produzione industriale del Piemonte, con un -0,4% nel primo trimestre 2019, il terzo di fila. "Ma anche gli ordinativi interni, l'export e l'utilizzo degli impianti sono sostanzialmente fermi. Nulla ha aiutato questi parametri a salire", dice Vincenzo Ilotte, presidente di Unioncamere Piemonte.

"Serve uno shock, qualcosa che dia un impulso altrimenti continueremo a raccontarci questa storia ancora a lungo", prosegue Ilotte. "Anche perché a soffrire sono tutte le imprese, di qualunque dimensione".
Decisamente meglio sono andate Lombardia (+0,9) e Veneto (+1,5).

A livello di settori, chi tiene bene è l'alimentare (+2,4%) così come la chimica (quasi +1). A soffrire sono il tessile (-5%) e le industrie elettriche ed elettroniche. Così come i mezzi di trasporto, che frenano insieme ai tentennamenti di FCA. "La produzione di auto è quella che sta soffrendo di più - sottolinea il presidente Unioncamere - e l'aerospazio non basta a bilanciare".

Tra i pochi dati positivi compare il fatturato estero (+1,6 rispetto a -0,4 generale), grazie a componentistica auto e aerospazio.

Tra le province è soprattutto il Sud a trainare, con Cuneo al +0,8%, grazie proprio all'alimentare e Alessandria al +1,2%. Male Biella (-2,3%) e Novara (-1,6%), ma anche Asti soffre (-1,2%), mentre Torino resta nel limbo con una perdita di mezzo punto.

Grande attenzione va dedicata ai Fondi Europei. "Al momento sfruttiamo il 20% dei Fondi Europei e alla nuova Regione chiediamo di crescere ancora, senza perdere posizione in questo periodo che potrebbe essere di transizione e rielaborazione dei progetti", conclude Ilotte.

In questa cornice, il clima di fiducia sembra però voler tentare una rimonta. Rispetto ai trimestri passati gli ottimisti tornano a superare i pessimisti. Anche se il PIL è previsto sostanzialmente piatto nel 2020 e 2021. Anche l'export è dato in aumento, anche se con una spinta interiore alle performance del passato. Il tutto al "buio" di dazi, Brexit o eventuali sanzioni UE.

"In un clima di questo genere, le aziende non investono - conferma Cristina Balbo, direttore regionale Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta per Intesa San Paolo -: c'è un clima di attesa che lascia la situazione in un clima molto statico. Ma ci sono aziende che vanno bene e il loro esempio è chiaro: investire sul capitale umano".

"In un contesto così, i nostri impieghi sulle imprese stanno comunque crescendo anno su anno del 23% - aggiunge Fabrizio Simonini, Regional Manager Nord Ovest UniCredit - ma voglio pensare che dati come questi non sono figli di un calo di mercato, ma di un grande cambiamento radicale. Per esempio, proprio per l'auto, il problema non è tanto investire, ma quando e in che cosa, visto che alle porte c'è una vera rivoluzione industriale con l'elettrico e l'ibrido. Dal cibo, invece, ci aspettiamo un effetto positivo anche sul fronte del turismo in entrate, con target anche piuttosto alti in termini di capacità di spesa".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium