/ Eventi

Eventi | 20 giugno 2019, 09:27

Fossano: il "Mons." spalanca le porte alla cittadinanza per le pazzie che rendono tutti simili

Una mostra mercato domenica 23 giugno e le fotografie di "Tutti pazzi per Mary" al Monsignor Signori Provvidenza per una grande festa della comunità e dei sapori

Fossano: il "Mons." spalanca le porte alla cittadinanza per le pazzie che rendono tutti simili

"Abbiamo voluto unire i risultati di due pazzie che ci hanno coinvolti negli ultimi due anni” ha presentato con queste parole il doppio evento di domenica 23 giugno il direttore del Monsignor Signori Provvidenza Mauro Mandrile.

Domenica 23 giugno il Mons., come lo si chiama d’abitudine a Fossano, spalancherà le sue porte alla cittadinanza invitando tutti a una grande festa della comunità e dei sapori.

Saranno in questo modo visibili le fotografie di Davide Dutto scattate nell’ambito del progetto “Tutti pazzi per Mary” avviato inizialmente per ravvivare e rendere più accoglienti gli spazi della struttura e presto trasformatosi in un percorso di conoscenza tra gli ospiti del Mons., i padroni di casa come meglio li definisce il direttore Mandrile, e le tante persone della città che hanno accettato di essere fotografate insieme, immagine stessa di come, di fronte a un fondale bianco, si sia tutti uguali: “La mostra doveva essere lo scorso anno, ma abbiamo dovuto rimandarla per un caso di morbilli. Ora è il tempo giusto per metterle in mostra. Queste fotografie hanno creato una livella tra la disabilità e la normalità - ha spiegato ancora Mandrile -. È stata un’esperienza che ha offerto nuovi stimoli, per noi sempre preziosi. Da questa esperienza sono nate altre cose come la collaborazione con Simone Sampò”.

Proprio in una delle sessioni fotografiche, il discorso cade sul desiderio di avviare un allevamento di chiocciole nel vastissimo giardino alle spalle dell’Istituto. Detto fatto: Davide Dutto presenta a Mauro Mandrile Simone Sampò dell’istituto di elicicultura di Cherasco che si appassiona all’idea. Vengono preparati i recinti, portate le chiocciole e prende avvio il lento lavoro di allevamento: “Per noi sono attività molto importanti perché da un lato ci offrono l’opportunità di valorizzare il fatto di abitare in aperta campagna pur essendo in centro città e dall’altro sono attività che danno un valore alla lentezza. Per noi le attività sono una sorta di cottimo al contrario: più durano a lungo, più è facile che i nostri ospiti riescano a viverle al meglio. La gestione dei tre recinti è stata molto positiva e si inserisce bene accanto al noccioleto”.

Il 23 giugno l’evento sarà anche enogastronomico: oltre a visitare il parco, i partecipanti potranno visitare la mostra mercato dei prodotti e dei manufatti degli ospiti del Mons e degustare diverse prelibatezze messe a disposizione da molti partner.

Tra tutti spicca la collaborazione con Palazzo Righini: lo chef Diego Solazzo proporrà delle lumache in tempura al pubblico che cucinerà direttamente di fronte al pubblico. Palazzo Righini, infatti, ha scelto sia di coltivare un proprio orto in collaborazione con gli ospiti del Mons. all’interno della struttura, sia di impiegare nel ristorante le chiocciole che vi vengono allevate.

Le collaborazioni non finiscono qui: Fior di Pane Focacce e Dolci proporrà le focacce, il pane e i dolci, Maria Chiara Mellano fornirà le mozzarelle e i formaggi di latte crudo; Marco Allasia le marmellate e il succo di gelso, il tutto completato dai prodotti di Olio Fresia, Erbalatte, Orti del Casalito, Cantina Tomaso Gianolio, Azienda Agricola David Gallo, Cascina Pensolato, I tesori della terra e Antico Casolare grazie alla collaborazione tra il Mons e la condotta Slow Food di Fossano.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium