/ Attualità

Attualità | 22 giugno 2019, 11:45

Al via il percorso che porterà 100mila persone a Cuneo per il Raduno Nazionale dei Bersaglieri (FOTO E VIDEO)

In Comune, ieri 21 giugno, il lancio ufficiale dell'evento. Svelato il logo che accompagnerà la manifestazione, in programma dal 17 al 23 maggio 2021

Al via il percorso che porterà 100mila persone a Cuneo per il Raduno Nazionale dei Bersaglieri (FOTO E VIDEO)

Sarà Cuneo, nel 2021, la città che avrà l'onore di ospitare il 69° Raduno Nazionale dei Bersaglieri, che porterà in città oltre 100.000 persone per la settimana di festeggiamenti e per la sfilata conclusiva a passo di corsa per le vie della città. Le date sono già decise: il raduno sarà dal 17 al 23 maggio. 

Nel Salone d’Onore del Comune di Cuneo - ieri 21 giugno - è stato scoperto e presentato ufficialmente il logo del Raduno, alla presenza del sindaco Federico Borgna, del presidente del Comitato Organizzatore Guido Galavotti, del presidente dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, Gen. Ottavio Renzi e del Gen. Antonio Pennino, Comandante del Centro Studi Post Conflict Operations della Scuola di Applicazione dell’Esercito.

La scelta di Cuneo non è casuale ed è il suggello di un legame profondo e soprattutto che ha radici nella storia: proprio qui, infatti, 160 anni fa, il 16 aprile 1861, venne costituito il Comando dei Bersaglieri del I Corpo d’Armata che prese poi il nome di 1° Reggimento Bersaglieri. A Cuneo è legata anche la storia del cappello piumato, simbolo del Corpo, che deve il suo nome a Giuseppe Vaira, primo tra i bersaglieri a indossarlo e originario della città.

Il percorso è iniziato ieri, con la presentazione dell'evento. L'evento sta pian piano prendendo forma ed è già on line il sito www.bersagliericuneo.it

Il sindaco Borgna ha espresso grande entusiamo per quello che sarà l'evento clou del 2021 a Cuneo. “È un onore poter ospitare il Raduno Nazionale dei Bersaglieri, ha dichiarato. Sarà un momento di grande festa. Ci aspettano mesi di intenso lavoro per preparare al meglio questo importante appuntamento, il logo ufficiale è pronto e la Città vi attende per darvi il benvenuto!”.

Il presidente del comitato organizzatore Guido Galavotti ha sottolineato come il raduno sia una grande festa e un importante momento di incontro tra commilitoni, tra chi ha fatto parte dello stesso reggimento, tra chi ha fatto la guerra. Una festa anche per la città e una grande sfida in tema di accoglienza, con ricadute turistiche: "Inutile nascondersi - ha detto - che Cuneo non è sufficientemente preparata in tema di ricettività ed è una cosa sulla quale stiamo ragionando. Ma sarà un grande evento, che culminerà con il concerto del sabato sera e soprattutto con la grande sfilata di domenica 23 maggio, con migliaia di fanti piumati in marcia per le vie della città. Non sappiamo ancora nel dettaglio il percorso della sfilata, ma abbiamo tutto il tempo per trovare la soluzione migliore. Non solo, lasceremo alla città di Cuneo un grande monumento, tre bersaglieri, in pietra spessa 6 centimetri, alti 1,80 metri su un basamento di 4 metri per 4".

"Sarà una manifestazione fantastica - ha concluso -, che unirà storia, civismo e cultura"

La presentazione del logo dell'evento, svelato proprio nel corso della conferenza stampa, è stata accompagnata dall’esibizione della fanfara dell’Associazione Nazionale Bersaglieri “Roberto Lavezzeri” di Asti che ha eseguito un repertorio delle canzoni tradizionali del Corpo, sia nella sala del Municipio che in via Roma.

 

Il VIDEO 

Barbara Simonelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium