/ Attualità

Attualità | 22 giugno 2019, 13:28

Saluzzo, presentazione del corso di Meditazione per ritrovare il momento presente

Presentazione gratuita allo Spazio Culturale piemontese, lunedì 24 giugno. E’ tenuta da Corinna Galliano ricercatrice presso l’Università di Sidney. A luglio la presentazione del libro "Ho rifiutato il paradiso per non uccidere” il libro di Atai Walimohammad

Saluzzo, presentazione del corso di Meditazione per ritrovare il momento presente

Incontro gratuito lunedì 24 giugno alle 20 allo Spazio Culturale di corso Roma 4, a Saluzzo per presentare il corso di meditazione: ritrovare il momento presente.

Il seminario, che si terrà il lunedì e il giovedì fino all’8 luglio è tenuto dalla  saluzzese Corinna Galliano insegnante e ricercatrice presso l' Università di Sydney con oltre 20 anni di tecniche di meditazione e consapevolezza “per massimizzare la propria attività lavorativa, famigliare, sportiva, scolastica e accademica”.

“E' grande onore per lo Spazio culturale piemontese – afferma Angela Delgrosso Bellardi fondatrice del centro - ospitare la dottoressa Corinna che torna temporaneamente in Italia offrendoci l'occasione di imparare come integrare   tecniche di meditazione e presenza nella vita dinamica di quest'era". 

Per info e iscrizioni per corsi personali e aziendali tel. 330 204153;  whatapp 614 5252 8120.

Sempre in tema di appuntamenti allo Spazio si anticipa la presentazione, a luglio, giovedì 11 alle 21, del libro “ Ho rifiutato il paradiso per non uccidere” il  libro di Atai Walimohammad che  racconta le storie di  un rifugiato afghano,il lavaggio del cervello di bambini kamikaze e dell’importanza dell’istruzione come strumento per combattere il terrorismo, ma anche di speranza, come quella dell’associazione Fawn (Free Afghan Women Now) di cui Atai è il fondatore".

Una serata per dimostrare solidarieta' e rispetto a questo giovane ragazzo – sottolinea Angela Delgrosso -che è riuscito a sfuggire a una condanna a morte perchè andava ripetendo che "Non esiste paradiso, non uccidete per favore i bambini e le donne, lasciateci il nostro diritto all'istruzione”.

Info: tel. 330 204153.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium