/ Solidarietà

Solidarietà | 22 giugno 2019, 15:10

Una raccolta fondi per la famiglia di Francesco Aprile, l’alpino scomparso all’improvviso a Sant’Albano Stura

Promossa da amici e commilitoni per supportare la moglie e i due figli

Francesco Aprile e la sua famiglia

Francesco Aprile e la sua famiglia

A meno di una settimana dalla tragica e improvvisa scomparsa di Francesco Aprile lo scorso 16 giugno, amici e commilitoni hanno lanciato una raccolta fondi per sostenere le spese della famiglia.

Una famiglia come tante altre, quella di Ciccio, come raccontano gli amici, con un mutuo, uno stipendio sicuro, quello di papà Ciccio e le supplenze a scuola di mamma Giovanna. Due figli, uno già grande, Giuseppe e l’altro, Diego, ancora piccolino. Come ogni famiglia ci sono le speranze, si scommette su un futuro che si lascia immaginare lungo e roseo.

Accade, però, che, come un fulmine a ciel sereno, l’equilibrio si spezzi e porti via le certezze degli affetti.

Gli amici e i commilitoni di Francesco “Ciccio” Aprile hanno lanciato ieri, venerdì, una campagna di raccolta fondi su Facebook per contribuire a sostenere le spese della famiglia. Per il lancio hanno immaginato di affidare proprio all’amico Ciccio l’appello: “Ciao a tutti, sono CICCIO. Anche per me è stata una sorpresa quando, la notte del 16 giugno, ho dovuto lasciarvi. La volontà di Dio non si discute ma se avessi avuto ancora un po' di tempo, forse, sarei riuscito a sistemare alcune cose, di quelle che mi stanno più a cuore. Lo so ho lasciato l’amaro in bocca a molti di voi, amici e colleghi; in alcuni so di aver lasciato il vuoto incolmabile della mia assenza. Penso alla mia Giovanna, a Giuseppe e a Diego. Giovanna non ha un lavoro stabile e ciò che mi preoccupa è che viva con affanno il futuro non potendo contare su solide basi economiche. Giuseppe e Diego, poi, sono due figli unici e meravigliosi che, adesso, dovranno rimboccarsi le maniche e diventare uomini in fretta. Penso a loro. Sognavo di poterli vedere volare da soli, verso una vita di successi ma anche di sacrifici, pur sempre sostenuti dal mio vento. Adesso, invece, dovranno farsi coraggio e spingersi verso l’incertezza della vita sforzandosi di non guardare in basso per tenersi in volo. Nel loro volo, però, so che saranno seguiti da chi ha voluto bene a me ed è per questo che vi chiedo di esser loro vicini, magari incoraggiandoli. So che ci sarete, e per questo vi ringrazio nell’unico modo in cui posso farlo. Con il cuore! Ora, asciugate le vostre lacrime e non piangete perché il vostro sorriso sarà la mia pace.”

Ciao a tutti, siamo gli amici di CICCIO APRILE. Lui non c’è più ma noi possiamo aiutare la sua famiglia proprio come parte della nostra per questo abbiamo pensato ad una raccolta fondi. Aiutateci a realizzare un sogno con un piccolo contributo” aggiungono in calce gli amici.

La sottoscrizione è disponibile al link http://tiny.cc/tbqn8y ed è già partita con risultati che lasciano sperare in un risultato soddisfacente. Parallelamente anche la comunità sant’albanese, dove l’alpino viveva con la sua famiglia, si è mobilitata ed è possibile partecipare alla raccolta fondi anche presso il Bar Ellena di via Roma, il Bar Crystal di via Mondovì, Titti acconciature di via Vallauri e dalla Tabaccheria da Bianca.

Agata Pagani

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium