/ Eventi

Eventi | 23 giugno 2019, 17:00

Una torta di 5 metri per i primi cinque anni dal riconoscimento di Langhe-Roero e Monferrato quali Patrimonio dell’Umanità Unesco (FOTO)

Grande festa ieri sera (sabato), nella splendida cornice di quello che è per antonomasia il luogo simbolo delle colline di Langhe e Roero: il Castello di Grinzane Cavour

Alcune immagini della serata

Alcune immagini della serata

Il Castello di Grinzane Cavour ha ospitato, ieri sera (22 giugno) i grandi festeggiamenti per i cinque anni dal riconoscimento dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato quali Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Un traguardo celebrato in grande stile, come sottolinea anche Marco Scuderi, direttore del Castello, per “una ricorrenza importante, vale a dire i 5 anni dal riconoscimento Unesco che ha contribuito a far diventare il territorio sempre di più meta internazionale del turismo enogastronomico”.

Proprio insieme ad una serie di altri eventi sul territorio – continua Scuderi – abbiamo festeggiato il compleanno molto importante, e ci riteniamo ampiamente soddisfatti per la riuscita dell’evento, che ha avuto due momenti clou: il concerto di musica classica, con l’orchestra di Alessandria che ha proposto le ‘Quattro stagioni’ e il taglio della grande torta Unesco, lunga oltre 5 metri, sulla quale sono state rappresentate le sei zone Unesco”.

Intorno alla grandissima torta celebrativa più di 800 persone, che hanno preso parte alla grande serata di festa.

A curare l’evento, l’Enoteca regionale Piemontese Cavour – che gestisce tutte le attività del Castello – in collaborazione con la Regione Piemonte, l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, l’Associazione per il Patrimonio dei Paesaggi Vitivinicoli Langhe-Roero Monferrato, e altre importanti organizzazioni territoriali.

Nella splendida cornice di quello che è per antonomasia il luogo simbolo delle colline di Langhe e Roero – il Castello di Grinzane Cavour – il Parco Culturale Langhe Monferrato e Roero e Alba Music Festival hanno presentato anche l’anteprima della XIII edizione di Suoni dalle Colline: un viaggio emozionante espettacolare nel magico incontro tra la musica, i luoghi e la storia, in un palcoscenico naturale unico.

L’Orchestra classica di Alessandria – sotto la sapiente direzione artistica del Maestro Giuseppe Nova – ha eseguito nel giardino dello storico maniero “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, dall’opera “Il cimento dell’armonia e dell’inventione” con violino solista Elisa Scudeller.

Al termine del concerto, è stato spento il grande fascio luminoso che nel corso della settimana antecedente ha simbolicamente richiamato l’attenzione sul Castello di Grinzane Cavour, seguito poi dal taglio della Grande torta Unesco, realizzata per l’occasione dai maestri pasticceri del territorio, accompagnata dal brindisi con i magnum istituzionali di Asti Dolce Docg e dai più famosi brani internazionali della musica swing.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium