/ Eventi

Eventi | 25 giugno 2019, 18:43

A Boves "Meet the Meeting": una serata musicale dedicata al Meeting di Rimini per l'amicizia fra i popoli

Giovedì 27 giugno alle ore 21 concerto del pianista Alessandro Galassi con musiche blues, jazz, popolari e di cantautori milanesi

Alessandro Galassi

Alessandro Galassi

Giovedì 27 giugno alle ore 21, nell’ex confraternita di Santa Croce in via Roma a Boves, “Meet the Meeting”: una serata musicale dedicata al Meeting di Rimini per presentare il Meeting per l’amicizia fra i popoli che da quarant’anni rappresenta un’opportunità di dialogo e di incontro tra persone e popoli.

Il Meeting di Rimini si svolgerà dal 18 al 24 agosto e avrà come titolo “Nacque il tuo nome da ciò che fissavi”. 

Il titolo prende spunto da alcuni versi di una poesia di Karol Wojtyla, che mettono a fuoco il fatto – sperimentato da tutti, almeno nei momenti più importanti e decisivi della vita – che il proprio “nome”, cioè la propria consistenza umana nasce da quello che si fissa, e cioè dal rapporto con un altro da sé, con ciò da cui ci si sente chiamati ad essere.

L’immagine cui la poesia si riferisce è quella della Veronica che fissa Cristo mentre passa con la croce.

Ma tanti incontri evangelici raffigurano questa dinamica come quello di Zaccheo che si sente guardato da Gesù e viene chiamato per nome: «scendi in fretta, vengo a casa tua!». 

L’io può rinascere solo in un incontro, come quello del bambino con la sua mamma o di una persona grande con un'altra persona amata o con un amico.

Un incontro pienamente umano, perché apre all’io una prospettiva di bellezza, un desiderio di pienezza, un’urgenza di verità e di giustizia che da solo non si sarebbe mai sognato. 

Nel corso della serata, oltre alla presentazione dell’edizione 2019, concerto del pianista Alessandro Galassi con musiche blues, jazz, popolari e di cantautori milanesi.

Galassi,  musicista di Milano, è consulente e collaboratore musicale in diversi programmi Rai oltreché pianista in locali storici della città come il “Derby”, dove ha accompagnato negli anni Settanta il nascente cabaret milanese di Jannacci, Gaber, Walter Valdi, Nanni Svampa, Lino Patruno, e il “Capolinea” dove ha suonato con jazzisti italiani ed internazionali, quali Joe Venuti, Tony Scott, Paolo Tomelleri, Claudio Fasoli, Joe Cusumano, Tullio de Piscopo. 

Attualmente suona in quintetto con Carlo Pastori, Walter Muto, Luca Motta e Ermes Angelon.

Una serata piacevole ad ingresso libero per conoscere più da vicino e sostenere il Meeting.

Al termine della serata sarà promossa una libera raccolta fondi a sostegno del Meeting 2019.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium