/ Attualità

Attualità | 26 giugno 2019, 10:45

Un gioco in scatola per scoprire le “Terre del Monviso”: a Brossasco si presenta “Pluf!”

Duecento domande su natura, sport, cultura, prodotti tipici, storia & storie, condurranno i partecipanti alla scoperta del territorio, con una “modalità ludica di tipo cooperativo”. Cinquecento gli esemplari del gioco, distribuiti alle strutture ricettive. Una versione sarà anche disponibile online

La confezione del gioco in scatola "Pluf!"

La confezione del gioco in scatola "Pluf!"

Verrà lanciato ufficialmente martedì 9 luglio, alle ore 18, presso la porta di valle “Segnavia” di Brossasco, “Pluf!”, il gioco in scatola che porta alla scoperta delle Terre del Monviso.

Il modo migliore per presentare il gioco? Una vera e propria partita a “Pluf! Gioca con le terre del Monviso”, insieme agli operatori de “La Fabbrica dei suoni” di Venasca che, avendone curata la realizzazione, ne spiegheranno le caratteristiche.

L’iniziativa rientra nel progetto Interreg Alcotra “Pluf!” che si sta sviluppando nell’area transfrontaliera del Monviso e di cui l’Unione montana della Val Varaita è capofila.

La realizzazione del gioco in scatola “è una delle principali azioni di animazione turistica previste” spiegano proprio dall’Unione Val Varaita.

Nel gioco verranno rappresentati tutti i territori che aderiscono al progetto: “Il giocatore – continuano dall’Unione – potrà scegliere su quale o quali zone concentrare la propria attenzione.

Attraverso duecento carte, abbinate ad altrettante domande su natura, sport, cultura, prodotti tipici, storia & storie, i partecipanti vanno alla scoperta delle terre del Monviso con una modalità ludica di tipo cooperativo”.

Dove trovare “Pluf!”?

È stato prodotto in cinquecento esemplari, che verranno consegnati – in comodato d’uso – alle strutture ricettive che hanno aderito al protocollo di accoglienza turistica Fam.Viso, sistema che certifica tutte quelle realtà turistiche ritenute adatte all’accoglienza di famiglie con bambini.

Una versione di “Pluf!” sarà anche disponibile sul web, disponibile in occasione di feste di piazza, sempre sul territorio coinvolto nel progetto, dedicate a famiglie di turisti e di residenti.

Sul sito www.alcotra-pluf.eu è già consultabile il calendario delle “visite giocate”: dopo il lancio del 9 luglio a Brossasco, il giorno seguente (mercoledì 10 luglio) si replica al centro sportivo di Maria Ausiliatrice, a Saluzzo, dalle ore 20, prima della proiezione del “Cinema all’aperto” (prenotazione obbligatoria entro le ore 12 del giorno stesso al numero 0175.576294).

Dopo l’evento al “Segnavia”, invece, è prevista – per chi lo desidera – anche un’apericena, al prezzo di 10 euro (prenotazioni entro giovedì 4 luglio al numero 0175.689629).

Attraverso il progetto Pluf! stiamo facendo emergere la particolare vocazione turistica per famiglie con bambini del nostro territorio: – spiega la Milva Rinaudo, vicepresidente dell’Unione Montana Valle Varaita, capofila del progetto, e consigliere provinciale– in questo importante scenario di sviluppo, che vuole incrementare l’attrattività e l’accoglienza turistica grazie a una più attenta valorizzazione delle risorse naturali, culturali, paesaggistiche e umane, la realizzazione di un gioco in scatola come questo è un importante tassello.

Il gioco ha infatti un ruolo fondamentale nella costruzione e nello sviluppo della società, poiché aiuta lo sviluppo della personalità e allena la crescita della sfera cognitiva.

Abbinare un gioco a un territorio significa inoltre coniugare l’esperienza ludica alla scoperta di dettagli e particolari che costituiranno lo spunto per una visita più approfondita e soddisfacente del territorio stesso”.

COME FUNZIONA IL GIOCO

“Lo scopo del gioco – si legge in una nota stampa dell’Unione Valle Varaita - è la scoperta delle terre del Monviso attraverso un’articolata modalità ludica, che comprende diverse tipologie di attività, dal mimo alla creazione di forme attraverso le tessere del tangram passando per risposte multiple e anagrammi: ogni attività porta a conoscere più in dettaglio una caratteristica del territorio, che si può approfondire grazie a una vera e propria guida turistica allegata al gioco.

La particolarità di ‘Pluf! Gioca con le terre del Monviso’ risiede nella modalità di gioco: i partecipanti non si sfidano l’uno contro l’altro ma operano insieme in modalità cooperativa, per insegnare ai giocatori l’importanza del collaborare per ottenere gli obiettivi comuni.

Le pedine non appartengono a un solo esploratore: ogni gioco dev’essere affrontato con l’aiuto, l’interazione e la collaborazione di tutti.

L’avversario da sconfiggere è il gioco stesso, rappresentato dal maltempo che impedisce la scoperta del territorio”.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium