/ Attualità

Attualità | 09 luglio 2019, 18:14

Riparte la caccia alle “Bandiere arancioni” piemontesi: sono già 31 quelle assegnate

La scadenza per candidare i comuni è il 30 agosto. Si tratta di un progetto del Touring Club Italiano, iniziato nel 1998. Il Piemonte è secondo solo alla Toscana per numero di bandiere ottenute

Riparte la caccia alle “Bandiere arancioni” piemontesi: sono già 31 quelle assegnate

Presentata questa mattina la settima edizione locale del progetto divalorizzazione dei territori ideato da Touring Club Italiano inpartnership con le regioni italiane: scadenza il 30 agosto.

Promuovere la qualità e la sostenibilità turistica non solo nei principali luoghi di interesse ma anche nei centri minori: è questo, da sempre, l'obiettivo di “Bandiera arancione”, il progetto di Touring Club Italiano che dal 1998 premia i comuni con meno di 15mila abitanti.

La regione Piemonte, che può vantare la bellezza di 31 bandiere (seconda solo alla Toscana), è partner del progetto e quest'anno organizza la sua 7^ edizione, con scadenza di presentazione delle domande fissata al 30 agosto: “Abbiamo dei borghi meravigliosi - dichiara la neo assessora a Cultura, Turismo e Commercio Vittoria Poggio – per identità e cultura ma anche per le eccellenze nella ricezione e nella sostenibilità turistica. Porteremo avanti il progetto con impegno perché la selezione avviene attraverso un'analisi metodologica che favorisce la competitività a livello internazionale”.

Sulla stessa lunghezza d'onda è anche il direttore del settore Cultura, turismo e sport Paola Casagrande: “I comuni bandiera arancione – aggiunge – hanno avuto un ritorno interessate sia a livello turistico che commerciale. Da non sottovalutare è anche la comunicazione, fondamentale per garantire visibilità”.

Uno degli aspetti più innovativi del progetto è il Metodo di Analisi Territoriale, che fornisce al Touring i 250 indicatori fondamentali per valutare analiticamente i comuni candidati; in più, anche quelli non vincitori hanno diritto a ricevere un “piano di miglioramento” con suggerimenti sulle migliorie da effettuare per rispettare i criteri: “In questo modo – sottolinea la consigliera del Touring Liliana Pittarellointendiamo valorizzare le storie e i territori, salvaguardando la tradizione e i beni culturali ma anche la natura”.

I dati in Piemonte sono più che positivi: su 300 comuni analizzati, ben 31 hanno ricevuto la bandiera per una media del 10%, superiore a quella nazionale ferma all'8%. Per informazioni: www.bandierearancioni.it/piemonte 

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium