/ Attualità

Attualità | 10 luglio 2019, 07:30

Cuneo: sui marciapiedi nella parte alta della città le erbacce rompono le pavimentazioni e sono “brutte” da vedere (FOTO)

Dice l’assessore del Comune al Verde Pubblico, Davide Dalmasso: “Il problema esiste sul territorio del centro e delle frazioni. Per eliminare gli infestanti dai percorsi pedonali non possiamo più usare sostanze chimiche, ma il pirodiserbo: un sistema meno efficace e più costoso. Stiamo impiegando tutte le risorse disponibili. Per quanto riguarda la cura delle aree verdi tamponeremo la situazione con una variazione di bilancio nel Consiglio del 22 e 23 luglio”

Un collage di luoghi di Cuneo invasi dalle erbacce

Un collage di luoghi di Cuneo invasi dalle erbacce

Alcuni lettori di Cuneo ci hanno segnalato la situazione di forte degrado in cui si trovano molti punti dei marciapiedi nell’area compresa tra corso Giolitti, corso Monviso, corso Galileo Ferraris, corso Vittorio Emanuele II, viale Angeli e corso Brunet. In particolare in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto, in viale Angeli, nelle vie Quintino Sella, Monte Zovetto, Bassignano, Bongioanni, Stoppani, Negrelli, Bersezio e nei corsi Santorre di Santarosa e Vittorio Emanuele II.

L’erba cresce rigogliosa tra le lastre in pietra o le mattonelle di parecchie pavimentazioni. Causando la spaccatura delle stesse. In alcuni casi si infila nell’asfalto. E quando i marciapiedi sono sterrati ne occupa il percorso. Se non si interviene con urgenza c’è il rischio che, poi, si debbano effettuare lavori di manutenzione molto più costosi. Inoltre, è una questione di decoro urbano. Perché l’immagine di una città si coglie dalle attrazioni e dalle iniziative che offre, ma anche, e forse soprattutto, dalla pulizia e dalla cura degli spazi maggiormente frequentati dai residenti e dai turisti. Come possono essere le parti riservate ai pedoni.

In via Bassignano e in viale Angeli sono anche davvero in cattive condizioni le isole tra la carreggiata stradale e, nel primo caso, la pista ciclabile e, nel secondo, quella per il passaggio a piedi. Infine, la scala pedonale che conduce dal parcheggio della piscina a via Porta Mondovì è invasa dalle erbacce e non consente una facile percorrenza.

Cosa dice l’Amministrazione comunale? “Il problema  - spiega l’assessore al Verde Pubblico, Davide Dalmasso - esiste sul territorio dell’intera città: centro e frazioni. Per quanto riguarda i marciapiedi da qualche anno è stato vietato l’uso dei prodotti chimici, per cui dobbiamo utilizzare il metodo del pirodiserbo con il quale gli infestanti vengono eliminati attraverso il fuoco e il calore. Ma è un sistema che ha un’efficienza infinitamente inferiore e un costo decisamente superiore. Inoltre, le condizioni climatiche non aiutano perché l’erba cresce con grande velocità. Stiamo impiegando tutte le risorse disponibili, che sono molte di più rispetto agli anni passati”.

Invece, la cura delle aree verdi in generale? “Anche in questo caso siamo consapevoli che il momento è critico. La difficoltà, però, è quella di reperire le risorse necessarie. Tamponeremo, per quanto possibile, la situazione, nel Consiglio comunale del 22 e 23 luglio, con una variazione di bilancio di alcune decine di migliaia di euro. Dando la priorità degli interventi successivi alle zone più sensibili, come i parchi gioco e gli spazi verdi maggiormente frequentati”.      

Sergio Peirone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium