/ Attualità

Attualità | 13 luglio 2019, 07:45

#controcorrente: alla città di Cuneo e all’intera “Granda” servirebbe di nuovo un’entusiasmante Adunata Nazionale Alpina

Il capoluogo ospiterà nel 2021 i Bersaglieri, ma un raduno delle “penne nere” come quello del 2007 è rimasto nella memoria e nel cuore dei quattrocentomila partecipanti e di tutti i residenti della provincia. Il primo anno disponibile per la ricandidatura è il 2023. Perché non provarci, mettendo insieme le risorse umane ed economiche delle Istituzioni e degli imprenditori privati?

Gli alpini sfilano all'Adunata Nazionale di Cuneo del 2007

Gli alpini sfilano all'Adunata Nazionale di Cuneo del 2007

Il Corpo degli Alpini è una specialità dell’Esercito Italiano. Nasce nel 1872 su progetto del capitano Giuseppe Perrucchetti, con l’obiettivo di difendere i confini montani del Paese. L’8 luglio 1919 viene fondata l’Associazione Nazionale Alpini. Motivo? Il nostro giornale lo ha scritto la scorsa settimana: per la volontà di alcuni reduci della Prima Guerra Mondiale che avvertirono il bisogno di ritrovarsi così da continuare a condividere le esperienze vissute in trincea e ricordare i compagni d’armi caduti al fronte. Nel giugno 1923 prende forma anche la sezione di Cuneo.

Tra le attività più importanti dell’Associazione ci sono gli interventi di Protezione Civile, iniziati nel 1976 con il terremoto in Friuli, e l’allestimento delle Adunate locali e quelle nazionali. L’esordio a livello italiano avvenne nel 1920 a Ortigara.

Cuneo ne ha ospitate due. La prima nel 1971, 44ª nazionale, alla quale hanno preso parte 150, forse 200 mila persone. Ma non tutto è andato liscio. Invece, la seconda, l’80ª, dell’11-12 e 13 maggio 2007, ha incassato un trionfo clamoroso.

Ogni angolo del capoluogo è stato Alpino. Per una settimana sono vibrate, intense, le corde della memoria. Sono esplose la festa e l’allegria. Si sono alzati al cielo il suono di una fisarmonica, i canti e i brindisi con i bicchieri di vino. Una marea umana che ha invaso la città per un tripudio collettivo, unico, indimenticabile, contagioso, incontenibile. Quattrocentomila persone. E una città che le ha accolte con calore. Abbracciandole. E offrendo loro un abito prestigioso, incastonato di gemme preziose. Come si fa con i vecchi amici, che non hai più visto da molto tempo. Poi, almeno centomila alpini che hanno sfilato lungo l’asse centrale da via Roma a piazza d’Armi. Per undici ore.

Cuneo, nel 2021, dal 17 al 23 maggio, organizzerà il 69º Raduno Nazionale dei Bersaglieri. Un’altra iniziativa importante e spettacolare alla quale sono attese 100 mila persone, con la sfilata conclusiva a passo di corsa per le strade del capoluogo.

Ma ospitare l’Adunata Nazionale degli Alpini sarebbe di nuovo un’emozione straordinaria e impagabile. Da ricordare e portare nel cuore come lo è stato per quella del 2007. L’edizione del 2020 avrà luogo a Rimini. Nel 2021 e nel 2022 la decisione del Consiglio Nazionale non c’è ancora. Tuttavia sono già in ballo diverse città.

Per il 2023 il capoluogo della “Granda” potrebbe farci un pensierino, presentando la candidatura. E, probabilmente, ci sarebbero buone possibilità di ottenere la manifestazione perché può vantare molte circostanze favorevoli: i cento anni della sezione locale; il sacrificio della Divisione Cuneense nella devastante campagna di Russia durante la Seconda Guerra Mondiale; il Memoriale che la ricorda nei locali dell’ex stazione Gesso; i reggimenti ancora in servizio sul territorio della provincia.

Resterebbero da risolvere almeno due problemi: costituire un Comitato organizzatore eccezionale come nel 2007, ma, soprattutto, reperire i circa due milioni di euro necessari all’allestimento dell’iniziativa. Visto, però, il grande ritorno di immagine e anche commerciale di 12 anni fa, potrebbe essere l’occasione per mettere insieme Istituzioni locali e imprenditori dell’intera provincia con l’obiettivo di incassare un altro trionfo. Con protagoniste le “penne nere”.           

#controcorrente

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium