/ Cronaca

Cronaca | 15 luglio 2019, 15:44

Maltrattamenti contro l’ex moglie: condannato a 1 anno e 4 mesi

Il pm aveva chiesto 4 anni per anni di insulti, minacce, vessazioni psicologiche e violenze fisiche

Foto di archivio

Foto di archivio

“Innumerevoli” episodi di maltrattamenti subiti anche quando era in stato di gravidanza e davanti ai figli, raccontati dalla vittima con una “lucidità” raggiunta solo dopo essere ricorsa al supporto di una psicologa. Insulti, minacce, vessazioni psicologiche, ma anche violenze fisiche che la donna non aveva fatto refertare “perché innamorata, cercava di salvare il matrimonio” e perché temeva che il compagno le portasse via i figli.

E’ il quadro riassuntivo di quello che una donna italiana, residente nel Fossanese, avrebbe subito dal marito durante il matrimonio finito nel 2013 con un trentenne di nazionalità congolese.

A processo per maltrattamenti in famiglia, l’uomo è stato condannato dal tribunale di Cuneo a 1 anno e 4 mesi. Il giudice, a fronte di una richiesta del pm Carla Longo a 4 anni, ha ritenuto di non applicare le circostanze aggravanti e ha concesso le attenuanti generiche, con la sospensione condizionale della pena e la non menzione della condanna nel casellario giudiziario. L’uomo dovrà risarcire con 5.000 euro l’ex consorte costituita parte civile con l’avvocato Leonardo Roberi.

L’imputato, che si è rifatto una famiglia ed ha avuto altri tre bambini, ha ammesso che il matrimonio era stato costellato di litigi: “Mi insultava, diceva tornatene in Africa. Io reagivo ma soltanto verbalmente, non l’ho mai picchiata. Mi dispiace per quello che è successo con lei, riconosco che non sono stato un bravo marito e chiedo scusa”.

Il difensore ha fatto notare che la denuncia fu fatta solo nel 2016 “dopo tre lunghi anni da quando terminarono i presunti maltrattamenti. Motivo: lei temeva che all’ex marito fosse concesso l’affido esclusivo dei bambini. Che oggi vede regolarmente e per i quali contribuisce economicamente”.

Secondo l’ex moglie invece il suo scopo era quello di ottenere metà degli assegni di invalidità per i figli, entrambi affetti da handicap.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium