/ Economia

Economia | 17 luglio 2019, 08:00

Bocca vs corpo: sapevi che le malattie della bocca possono causare diabete e disturbi cardiaci?

Smile Italy vuole divulgare il più possibile gli importanti concetti scientifici che sono alla base della salute e del benessere che parte dalla bocca. Ed esporli, uno per uno, ai lettori

Bocca vs corpo: sapevi che le malattie della bocca possono causare diabete e disturbi cardiaci?

Quante volte, parlando della bocca, pensiamo si tratti semplicemente di un pezzo di noi che serve per mangiare e per parlare.

Ma non è solo questo! Nell’antichità la bocca era considerata la porta per accedere al corpo e non a caso, gli studi più recenti sostengono che la cavità orale sia un complesso sistema interconnesso con tutto il corpo, non certo una parte isolata.

È infatti dalla bocca che inizia la diffusione dei microrganismi patogeni che causano altre patologie del corpo, soprattutto in soggetti più deboli, come gli anziani, e bambini o le persone svantaggiate. Queste patologie possono aumentare la probabilità di sviluppare infezioni alla bocca. Le affezioni del cavo orale e i disturbi sistemici sono quindi collegati tra loro a doppio binario di causa e effetto.

Questo importante conoscenza ha segnato l’inizio di una nuova era: la medicina preventiva parodontale, e aprendo a nuove opportunità di prognosi e gestione di vari disturbi sistemici.

Oggi affrontiamo il disturbo della paradontite.

Quali sono i disturbi connessi alle malattie della bocca e in che modo si presentano.

La parodontite, anche detta malattia parodontale, è un'infezione batterica del paradonto, cioè di tutto l’insieme dei tessuti, gengive, legamento parodontale e osso alveolare che sostengono i denti. Si tratta di una patologia del cavo orale molto subdola ed irreversibile. Attacca e distrugge i tessuti che sostengono i denti, e se non curata, porta alla perdita dei denti.

Parliamo della sesta malattia più diffusa al mondo e che colpisce circa il 12% della popolazione mondiale, ovvero circa 800 milioni di persone, nella sua forma più grave. In Italia ne soffre il 60% della popolazione, rappresentando la causa principale della perdita dei denti.

Anni addietro la parodontite era considerata una inevitabile conseguenza dell’invecchiamento. La ricerca è però stata utile per individuare specifici fattori di rischio che facilitano l’insorgere delle malattie di denti e gengive, e sui quali è possibile intervenire con un’attenta prevenzione: fumo, abitudini errate, condizione economico sociale e demografica del malato.

Se si perde sangue lavando i denti, o se si avverte spesso l’alito cattivo, il palato è infiammato e le gengive appaiono gonfie ed arrossate, si potrebbero avere problemi gengivali che rischiano di sfociare in parodontite. 

Contattare il dentista per tempo, che saprà consigliare il trattamento giusto, eviterà che il problema diventi irreversibile e che i batteri della bocca si diffondano nella circolazione sanguigna raggiungendo l’organismo.

Naturalmente noi di https://www.facebook.com/<wbr></wbr>smileitaly siamo a tua disposizione.

 

Informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium