/ Attualità

Attualità | 22 luglio 2019, 16:34

Associazione per la Rinascita della Valle Bormida: "Non ci risulta alcun sindaco piemontese favorevole al carcere a Cengio"

Il gruppo ambientalista esamina la documentazione prodotta dai vari "primi cittadini" per la Regione Piemonte e il Ministero dell'Ambiente

Associazione per la Rinascita della Valle Bormida: "Non ci risulta alcun sindaco piemontese favorevole al carcere a Cengio"

"In merito alle notizie di stampa dei giorni scorsi, secondo le quali i sindaci piemontesi avrebbero espresso un giudizio positivo rispetto alla proposta dell’ex sindaco, e dell’attuale, di Cengio di proporre la costruzione di una casa circondariale sulla area A2 (quella su cui insistevano la produzione e gli impianti) dell’ex Acna C.O. di Cengio, abbiamo constatato di prima mano che nessuno di essi ha avuto modo di esprimere alcun parere, tantomeno positivo" commenta in una nota l'Associazione per la Rinascita della Valle Bormida.

"Tutti loro, anzi, sono ben convinti di altro, almeno a ben leggere il documento che ognuno di essi ha inviato alla Regione Piemonte e al Ministero dell’Ambiente proprio nei giorni scorsi: '…La zona A2… (è) destinata a insediamenti produttivi, ma di fatto impedita a tale finalità dagli inquinanti del sottosuolo e dalle complicanze determinate dalle acque meteoriche e di falda'”.

“E ben a ragione i sindaci hanno così espresso il loro pensiero. Certamente erano a conoscenza delle conclusioni tratte dal Centro di Competenza Idrologica e Idrogeologica, rappresentato dall’ing. Carlo Cesio, per conto della Provincia di Savona, del 17.6.2014, che “…debba essere potenziato l’attuale sistema di emungimento al fine di evitare che l’acquifero sub-superficiale confinato in area A2 e A2 bis possa raggiungere livelli prossimi al piano di campagna'”.

"L’area A2 bis è quella su cui insiste il depuratore. E aggiunge: 'Si sottolinea che l’attuazione di quanto specificato in questa prima osservazione sia da ritenersi condizione minima e necessaria per poter almeno ipotizzare un riutilizzo, se pur parziale (limitato per ora alla sola zona A2), del sito'. In considerazione del fatto che tale Relazione è di 4 anni successiva ai ‘collaudi’ (2010), che hanno… certificato la fruibilità dell’area A2, è evidente che pare esserci ancora molto, molto lavoro da fare".

"Per esempio, costruendo delle vere barriere a tenuta idraulica lungo tutto il lato ferrovia ed il lato portineria. A meno che Syndial non desideri per l’eternità presidiare il sito e depurarne i percolati" concludono dall'Associazione per la Rinascita della Valle Bormida.

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium