/ Attualità

Attualità | 02 agosto 2019, 20:04

Mondovì rivoluziona la refezione scolastica: diete speciali, borse termiche e free beverage

Il servizio è stato aggiudicato mercoledì 10 luglio alla società cooperativa "Camst" sino all'anno scolastico 2023/2024. L'assessore all'Istruzione, Luca Robaldo: "Novità importanti e al passo con i tempi"

Mondovì rivoluziona la refezione scolastica: diete speciali, borse termiche e free beverage

Sono particolarmente soddisfatto della conclusione del percorso burocratico che porterà all'avvio del nuovo servizio mensa della città di Mondovì. Numerose sono le importanti novità introdotte, che renderanno il nostro servizio di refezione al passo con i tempi e ancor più attento alle esigenze delle famiglie".

Con queste parole l'assessore all'Istruzione, Luca Robaldo, ha commentato l'aggiudicazione alla società cooperativa "Camst" del servizio di refezione scolastica sino al 2023/2024.

Il valore economico totale della concessione è pari a 2.787.000 euro e il bando si è svolto a livello nazionale, così come previsto dalle norme. Particolare rilevanza ha avuto in quest'occasione la collaborazione tra il Comune di Mondovì e il Comune di Bastia Mondovì, che hanno bandito insieme, attraverso la centrale unica di committenza, l'affidamento in concessione del servizio mensa.

Tanti gli aspetti e le innovazioni da sottolineare, a cominciare dall'utilizzo di prodotti locali e a chilometro zero, con particolare riferimento alla produzione biologica (100% per quanto riguarda frutta, verdura e pasta e 85% per quanto riguarda carne bovina e avicola) e ai prodotti certificati IGP, DOP e STG.

Inoltre, nell'ottica del minor consumo energetico e del minor impatto ambientale possibile, il gestore si doterà di due automezzi completamente elettrici utili per il trasporto dei pasti e provvederà anche all'installazione di impianti fotovoltaici in alcuni plessi (scuole dell'Infanzia del rione Ferrone e di Sant'Anna Avagnina).  

Ogni bambino, poi, verrà dotato di borsa termica "Io non spreco bag": in altri termini, gli alunni avranno la possibilità di portarsi a casa pane, frutta, prodotti confezionati distribuiti ma non consumati, purché perfettamente integri.

Grande attenzione sarà altresì riservata alle diete speciali, all'installazione di isole ecologiche presso ogni plesso, alla riduzione delle confezioni di plastica delle bottiglie a favore del free beverage (con installazione di distributore di acqua) e alla riduzione del rumore nei refettori, con la realizzazione di pannelli fonoassorbenti presso le primarie dell'Altipiano e del Ferrone, le secondarie dell'Altipiano e di Borgo Aragno e, non ultimo, il polo scolastico di piazza d'Armi.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium