/ Politica

Politica | 04 agosto 2019, 11:33

Alba, il commento di Elena Di Liddo (PD) sulle spesa sociale, tema discusso nell'ultimo Consiglio comunale

La nota del consigliere Dem risponde anche a quanto dichiarato nell'assise del 30 luglio dalla Lega

Elena Diliddo

Elena Diliddo

Con la variazione presentata in consiglio comunale il 30/7 sono stati iscritti a bilancio importanti contributi rivolti alle fasce deboli della città.

Uno di 65mila euro per il progetto Emergenza Casa 8, per cui ringrazio la Fondazione CRC, che consente ai comuni di aiutare le famiglie a rischio sfratto attraverso la stipula di contratti concordati. 

L’altro di 80mila e 2mila euro, ricevuti rispettivamente da Egea e Università Pegaso per finanziare l’assistenza all’autonomia in favore di bambini residenti ad Alba con certificazione di disabilità. 

Entrambi i settori di intervento sono una prosecuzione di quanto avviato negli anni precedenti e rispondono in modo concreto a un bisogno reale delle famiglie in difficoltà abitativa o con un minore con disabilità.

Queste per noi sono le vere fasce deboli della società, non “i piccoli imprenditori sommersi dalla burocrazia, che lavorano giorno e notte”, come invece ha sostenuto la capogruppo della Lega in consiglio comunale. 

Abbiamo dimostrato coi fatti e non con i proclami che ad Alba chi era in difficoltà poteva rivolgersi a servizi che hanno funzionato bene e offerto risposte efficaci. L’attenzione da parte nostra è mai mancata verso chi era in difficoltà.

La crisi economica evidentemente ha colpito diverse fasce della popolazione; anche un piccolo imprenditore oggi può avere bisogno e va aiutato, ma vogliamo far sapere che, per noi, tale sostegno non deve limare risorse ad altre fasce, molto più deboli della società, i cui bisogni riteniamo debbano essere sempre al primo posto.

Concludo dicendo che da un accesso agli atti abbiamo appreso della mancanza del contratto di sponsorizzazione Egea firmato. Ci pare dunque una forzatura aver iscritto a bilancio la somma e tale novità procedurale ci lascia alquanto perplessi”.

E' il commento di Elena Di Liddo, consigliere comunale PD, a margine di quanto discusso nell'assise del 30 luglio, anche in risposta a quando sostenuto dalla Lega, facendo riferimento alla spesa sociale.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium