/ Curiosità

Curiosità | 11 agosto 2019, 17:24

20mila chilometri in bici da Beinette a San Pietroburgo: “Ma a tutti abbiamo detto che saremmo andati a Medjugorje”

La bella avventura di William Luis Violino e di suo nipote Nicolas partiti lo scorso primo maggio e ora di ritorno da una traversata transeuropea in bici dopo aver varcato oltre una decina di confini. Ora si trovano a Praga e sono di ritorno

20mila chilometri in bici da Beinette a San Pietroburgo: “Ma a tutti abbiamo detto che saremmo andati a Medjugorje”

Una incredibile avventura quella che stanno vivendo in questi giorni William Luis Violino e suo nipote Nicolas. William è argentino di origine, ma è “cuneese” dal 1990. Ha atteso l’arrivo del nipote Nicolas Ezequiel Passetti per cominciare il primo Maggio una traversata degli stati europei in sella alla bici partendo da Beinette fino ad arrivare a San Pietro Burgo.
 
“Non è il mio primo viaggio in bici.” – ci racconta William – “Non parti a fare un viaggio così lungo se non si ha un po’ di esperienza. In ogni caso non potevo dire che a 53 anni avrei fatto 10mila km in bicicleta. Così ho tenuto segreto a amici e parenti  il giro che avevo in mente. Avevo detto che saremmo arrivati fino a Medugorje. Ma poi da lì è partita la vera avventura: siamo andati fino a Sofia e poi a Istambul.”

“’Bravi’, ci dicevano ‘adesso tornate indietro però’.”- continua William nel racconto – “E invece no. Abbiamo proseguito la rotta di marcia. Siamo stati a Ankara, Samsun in Turchia, Batumi e Tibilisi in Giorgia. Bakù in Azerbaigian. Poi abbiamo continuato per la Russia costeggiando il Mare Caspio fino ad arrivare a Astrachan, a pochi km del confine con Kazakistan.”

“Una volta arrivati a Volgograd” – prosegue – “abbiamo allungato di 600km per andare a sud. Volevamo stare nei paraggi e visitare il luogo dell’eccidio della 2^ divisione Cuneense avvenuta nel gennaio del 43. Un fratello di mio nonno era morto in quell’occasione. Una volta visitati questi luoghi, parlato con le persone, mangiato pranzo offerto da le maestre in una scuola siamo ripartiti per Mosca. Abbiamo deciso di continuare per San Pietroburgo e ora stiamo riscendendo passando da Lettonia, Littuania, Varsovia e Polonia. In questo momento siamo a Praga.”

Fino a oggi William e Nicolas hanno percorso 11.300 km. Arriveranno a circa 20mila km nei prossimi giorni quando raggiungeranno (salvo nuovi ripensamenti?) la Granda.

“In questo viaggio abbiamo trovato moltissime persone che senza chiedere aiuto ci hanno dato una mano” – conclude William – “Per la strada ci offrivano cibo, frutta, il chai (tè indiano che si beve in molti paesi orientali e mediorientali ndr). Probabilmente ci vedono come due personaggi strani, ci fermano per scattare fotografie. Non sono forse abituati a questo tipo di turismo”.

Daniele Caponnetto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium