/ Al Direttore

Al Direttore | 12 agosto 2019, 21:54

Ospedale di Cuneo: "Perché non ampliarlo acquisendo il palazzo dell'INPS, invece che pensare ad una struttura nuova"

Riceviamo da Piercarlo Malvolti una riflessione sul vecchio ospedale e sull'ipotesi di costruirne uno nuovo

Ospedale di Cuneo: "Perché non ampliarlo acquisendo il palazzo dell'INPS, invece che pensare ad una struttura nuova"

Ospedale di Cuneo: si dice che sarebbe ora di edificarne uno nuovo, che quello attuale è datato, è in centro, i parcheggi sono quelli che sono ecc..ecc.. sarà! Questione di punti di vista o di “svista” che tuttavia conseguono alcune considerazioni.  

Veniamo alla prima: intanto pochi anni orsono sono stati spesi un bel po’ di milioni di euro per realizzare il blocco operatorio. Struttura moderna con tanto di ambulatori e front-office per le prenotazioni, ospitante 10 sale oltre a quella ibrida costata altri due milioni, inaugurata successivamente nel giugno 2012 e definita dall’allora direttore “una Ferrari”, ora si suppone che cotanto investimento di pubblico denaro sia stato ben ponderato in prospettiva e non certo a breve termine.  

Seconda osservazione: l’ospedale di Cuneo come molti altri sta benissimo in centro (le Molinette dove sono?) essendo facilmente raggiungibile in auto, a piedi e con i mezzi pubblici, quanto ai parcheggi ci sono, sarebbe sufficiente non taglieggiare gli utenti con le tariffe più esose della città, chi vi si reca lo fa per necessità e non per svago.  

Terza faccenda: occorre ampliarlo? la soluzione è davanti agli occhi, notizie recenti informano che l’INPS si trasferisce lasciando libero il palazzo di fronte e allora basta acquisirlo, ristrutturarlo, collegarlo con semplice sottopasso che attraversa via Bassignano ed il gioco è fatto..  

Siamo pragmatici adottando soluzioni realistiche ed efficaci, rifuggendo da cattedrali nel deserto o meglio nelle paludi adottate in altre realtà della provincia con i risultati che conosciamo.  

Piercarlo Malvolti, precedentemente sindaco dell’ASO Santa Croce e Carle.    

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium