/ Cronaca

Cronaca | 18 agosto 2019, 19:10

Argentera, riuscito il recupero di due ragazzini spagnoli rimasti bloccati (FOTO e VIDEO)

Elicottero e Nucelo Speleo Alpinistico Fluviale dei Vigili del Fuoco per soccorrere tre persone: i due minori, raggiunti dal padre, non riuscivano più a muoversi. Il sindaco Ciaburro: "Chi grava di un costo i contribuenti, paghi di tasca sua"

I turisti rimasti bloccati ad Argentera

I turisti rimasti bloccati ad Argentera

Poteva costare molto cara, l'imprudenza di due giovani spagnoli che nel pomeriggio di oggi, ad Argentera, si sono arrampicati finendo per rimanere bloccati, non più in grado di scendere o di risalire, nei pressi delle cascate di Roburent. Raggiunti anche dal padre, dopo che i genitori avevano allertato una guardia ecologica che ha richiesto l'intervento dei Vigili del Fuoco, i tre hanno atteso l'intervento dei soccorritori, che sono stati inviati intorno alle 17, con una squadra di Vigili del Fuoco terrestre SAF (Speleo Alpinistico Fluviale) da Cuneo. Due uomini, dopo essersi calati con delle corde, hanno messo in sicurezza i tre, attendendo quindi l'intervento del Nucleo Elicotteri dei Vigili del Fuoco da Torino. Drago 55 ha recuperato i tre turisti, portandoli a valle, per procedere infine con il recupero dei due SAF intervenuti, prima di rientrare a Torino. Intorno alle 19 sul posto è arrivato anche il ROS dei Carabinieri.

Qui, il video dell'intervento:

Questo il commento dell'on. Monica Ciaburro, sindaco di Argentera: "Il mio plauso va ancora una volta ai Vigili del Fuoco, che anche in giorni di festa intervengono in maniera impeccabile, mettendo a repentaglio le loro vite. Mi auguro tuttavia che chi, con imperizia e imprudenza, mette a repentaglio le vite proprie e dei soccorritori, e grava di un costo i contribuenti, paghi il costo dell'intervento. La cifra per un'operazione come quella di oggi si aggira intorno ai 10.000 euro: è assurdo che sia lo Stato, cioè il contribuente, a pagare".

"In questo caso parliamo di ragazzini minorenni, il più grande forse aveva 10 anni, che, per raggiungere quel posto, sono stati lasciati per più di un’ora senza controllo da parte dei propri genitori, rischiando fra l'altro di farsi del male - chiosa il sindaco Ciaburro, con una puntualizzazione rispetto alle precedenti dichiarazioni -. La responsabilità è certamente in capo ai genitori. Siamo al paradosso di una società, quella di oggi, in cui se un gentitore dà uno schiaffo a un figlio è soggetto a una denuncia, mentre se lo mette in situazione di rischiare la propria vita, omettendone un'adeguata vigilanza, non è soggetto a nulla".

Pietro Ramunno

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium