/ Economia

Economia | 20 agosto 2019, 16:12

Come mai la Tecnofinanza sta rivoluzionando i servizi bancari tradizionali?

La tecnofinanza è una tecnologia innovativa altamente dirompente che sta rivoluzionando completamente il sistema bancario mondiale.

Come mai la Tecnofinanza sta rivoluzionando i servizi bancari tradizionali?

La tecnofinanza è una tecnologia innovativa altamente dirompente che sta rivoluzionando completamente il sistema bancario mondiale. Per tutti i nativi digitali e coloro che possiedono una certa dimestichezza con gli smartphone, la commistione fra tecnologia digitale e mondo bancario rappresenta un coacervo di opportunità straordinarie. Ma per il mondo della finanza tradizionale, la tecnofinanza è anche una forza rivoluzionaria piuttosto problematica, in primis perché permette a numerose compagnie minori di guadagnarsi una posizione altrimenti impossibile da raggiungere.

Molte start-up che hanno infatti investito nel comparto tecnologico stanno iniziando a fare concorrenza ai giganti della finanza tradizionale, portando ad un vero e proprio terremoto che sta sconquassando equilibri di forza spesso decennali. Se volete comunque saperne di più, su questo sito potete trovare una interessantissima e molto completa guida alle Fintech.

Cos’è la Tecnofinanza (Fintech)?

La Tecnofinanza (in inglese “Fintech,” abbreviativo di “Financial Technology”) è, come suggerisce la parola stessa, la fusione fra le più moderne tecnologie digitali ed il mondo della finanza tradizionale. Grazie all’uso di queste nuove tecnologie è oggi possibile semplificare numerose operazioni di deposito, pagamento, investimento e assicurazione. Molti istituti finanziari le utilizzano anche per rendere più interattive a innovative le operazioni di consulenza e customer service, rendendo estremamente più fruibili e accessibili molti dei servizi forniti che venivano tradizionalmente forniti unicamente in filiale.

Grazie alla tecnofinanza infatti i consumatori possono bypassare il personale bancario, e la necessità costante di ricorrere all’intervento degli intermediari. Essendo una tecnologia personalizzata e personalizzabile, la tecnofinanza è per definizione infatti una tecnologia “diretta”, che permette in sostanza al consumatore di comunicare con le imprese o con altri consumatori senza perdite di tempo e con costi molto più contenuti. In un modo o in un altro, le grosse banche sono oggi costrette a fare i conti con questa enorme rivoluzione e l’intero microcosmo finanziario si è trovato a dover rivoluzionare i propri equilibri interni.

Perché la Tecnofinanza è una tecnologia personalizzata?

Una delle caratteristiche che ha permesso alla tecnofinanza di prendere piede così rapidamente, è proprio la possibilità di cucire il prodotto sulle esigenze specifiche del cliente. Le start-up e le aziende digitali che lavorano nel mondo del Fintech, fanno infatti largo uso di tecnologie che permettono di profilare con grande precisione i propri clienti.

Similmente a quanto avviene ad esempio con gli annunci pubblicitari mostrati sui social media o su Google, il marketing è sempre basato sulle preferenze del singolo utente. Le informazioni ottenute dale cronologie di navigazione dei browser, dalle email, dai cookies, o dai motori di ricerca, vengono infatti filtrate per estrarre una enorme quantità di dati relativi alle preferenze del consumatore, i suoi desideri, e le sue necessità. L’arrivo delle più moderne Intelligenze Artifciali (AI) permette poi di rielaborare e analizzare quantiativi di dati e informazioni che fino ad un paio di anni fa risultavano letteralmente impossibili da gestire. Grazie a queste informazioni è oggi possibile creare una profilazione ad hoc del consumatore, al quale vengono poi offerti esattamente quei servizi che possono risultare interessanti per lui o per lei.

Il risultato è un risparmio notevole in termini di denaro speso per le operazioni di marketing, un’efficienza molto maggiore, e la possibilità di offrire servizi personalizzati e nel tempo personalizzabili. L’uso del supporto digitale permette inoltre di semplificare tutte le operazioni, che essendo svolte direttamente dal cliente, permettono inoltre di tagliare sulle spese di personale oltre che sui tempi necessari allo svolgimento di ogni operazione. I costi sono più bassi per tutti, l’offerta è molto competitiva, e il servizio è più agile e più efficiente.

Perché la Tecnofinanza spaventa i grossi istituti bancari?

Il mondo della finanza è da sempre caratterizzato da una competizione relativamente limitata. I giganti del mondo bancario sono in numero piuttosto limitato, e sono così grandi e potenti economicamente da lasciare pochissimo spazio all’emergenza di nuovi concorrenti. La tecnofinanza è invece una alternativa rivoluzionaria che ha permesso a moltissime start-up anche molto piccole di diventare estremamente competitive garantendo un’offerta di servizi a cui i grossi istituti finanziari non possono corrispondere.

Nel mondo della rivoluzione digitale, i consumatori si aspettano servizi rapidi e con tempi di attesa minimi. La cosiddetta customer experience è al centro dell’attenzione di molte aziende che ne hanno compreso l’enorme importanza. Le Fintech per definizione corrispondono esattamente a questa esigenza, trattandosi sempre di offerte agili ed innovative. Le grandi banche sono invece caratterizzate da strutture troppo complesse ed inevitabilmente macchinose, e pur avendo pienamente compreso il pericolo rappresentato dalla concorrenza di queste start-up, faticano enormemente a superare le difficoltà rappresentate dalla necessità di stare al passo con le nuove tecnologie. L’agilità, infatti, non è proprio uno dei loro punti di forza.

Conclusione

L’arrivo di nuove tecnologie porta sempre con sé un grande potenziale rivoluzionario. Le fintech rappresentano un’importante opportunità per rinnovare e svecchiare il mondo della finanza, migliorare l’esperienza dei consumatori, e ridurre i costi sostenuti sia dagl operatori che dai clienti.





ip

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium