/ Cronaca

Cronaca | 22 agosto 2019, 15:06

Maltempo: cala il livello del torrente Ghiandone, riapre la “Saluzzo-Pinerolo”

Dopo il pericoloso incremento del corso d’acqua, che alle 11.30 ha raggiunto la soglia di 4 metri e 30 centimetri, la tregua della pioggia e la discesa del livello a 3 metri e 21 centimetri hanno reso possibile la riapertura della strada provinciale 589, “dei Laghi di Avigliana”

Il ponte sul Ghiandone

Il ponte sul Ghiandone

Riaperta la circolazione stradale lungo la SP 589, “dei Laghi di Avigliana”, meglio conosciuta come la “Saluzzo-Pinerolo”.

La Provinciale era stata chiusa stamane (22 agosto) a causa dell’esondazione del Torrente Ghiandone, proprio all’altezza del ponte sul quale trova posto la sede stradale. Il livello del corso d’acqua, come abbiamo avuto modo di anticiparvi, era pericolosamente cresciuto in seguito al violentissimo temporale che si è abbattuto sulla Valle Infernotto.

Il Ghiandone, come rivelano i dati monitorati dall’Arpa Piemonte, è passato dai 27 centimetri delle 7 di stamattina, ai 4 metri e 30 centimetri delle 11.30. Un incremento di più di 400 centimetri nel corso di 4 ore e 30 minuti, con l’esondazione del torrente e la conseguente decisione di procedere alla chiusura della SP 589.

Situazione analoga a quella verificatasi in località “Ponte Grana”, sempre a Barge, dove la strada che da San Martino conduce a Cavour è stata interrotta per l’esondazione del Rio Grana, che ha invaso anche cortili e abitazioni private, e dove i Vigili del fuoco sono stati a lungo impegnati per soccorrere diverse persone, rimaste bloccate dall’acqua o in casa o all’interno dell’auto.

Il ponte sul Ghiandone è stato presidiato da Vigili del fuoco, Protezione civile, Forze dell’ordine, operai comunali e della Provincia di Cuneo, competente sulla SP 589, coordinati dal capo cantoniere Mario Rolando.

L’ultimo aggiornamento Arpa – delle ore 14 – sul torrente Ghiandone registra la discesa del livello idrometrico del corso d’acqua, che è passato dai 4 metri e 30 centimetri delle 11.30 ai 3 metri e 21 centimetri.

Il Fiume Po, in località Villafranca Piemonte, ha invece raggiunto alle 14 il picco massimo di 2,14 metri, tuttavia, il livello rimane al di sotto del pre-soglia di guardia.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium