/ Cronaca

Cronaca | 23 agosto 2019, 18:47

Spaccata in via Maestra ad Alba, lo sconforto della titolare: "Abbiamo comunque subìto gravi danni" (FOTO)

Nell’inventario di quanto sottratto dal negozio di via Vittorio Emanuele II anche quanto presente in cassa e una serie di smartphone nuovi e funzionanti. Rilievi sulle tracce di sangue lasciate sul posto dall’uomo

La vetrina del negozio Vodafone di via Vittorio Emanuele, infranta dal ladro

La vetrina del negozio Vodafone di via Vittorio Emanuele, infranta dal ladro

Non si è purtroppo limitato alla mezza dozzina di "demo" – dispositivi utilizzati esclusivamente per l’esposizione, non dotati dell’apparato elettronico e quindi privi di valore – il danno che la titolare del negozio Vodafone di via Vittorio Emanuele II ad Alba ha subìto dalla spaccata che un giovane dal volto travisato ha commesso dell’esercizio nelle prime ore di questa mattina, venerdì 23 agosto, (ora) prima di lasciarne i locali ferito e insanguinato e darsi alla fuga indisturbato verso piazza Duomo.

A integrare la prima conta dei danni fornita al nostro giornale in mattinata dagli inquirenti (qui il nostro articolo) è la titolare Iolanda Amorelli, che ha trascorso la giornata in costante contatto con gli uomini del Comando Carabinieri albese e perfezionato ora dopo ora l'elenco di quanto effettivamente mancante in negozio.

"Certamente poteva andare molto peggio – ci racconta –. Il ladro è rimasto all’interno del negozio per appena quattro minuti e fortunatamente non è riuscito a mettere le mani su una partita di telefonini consegnateci appena ieri. Ma oltre a quei 'demo' dal negozio mancano numerosi altri smartphone, questi 'veri' e funzionanti, e soprattutto mancano gli incassi presenti nella cassa".

Poi ci sono i danni al locale. "Certamente, con la rottura della vetrina e delle quattro vetrinette interne andate in frantumi. Insomma, in qualche modo siamo sollevati perché poteva andare anche molto peggio, ma il danno c’è, ed è anche ingente".  

Intanto al Comando Carabinieri proseguono le indagini per risalire all’identità del colpevole, che – lo ricordiamo – durante la spaccata si è ferito, lasciando sul posto tracce ematiche che, rilevate stamattina dagli agenti della Scientifica, potranno essere utili alla sua identificazione.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium