Al Direttore - 28 agosto 2019, 10:11

Cuneo, Carlo Garavagno: "Via i tir da San Rocco Castagnaretta, la salute dei cittadini viene prima del business"

Riceviamo e pubblichiamo

Cuneo, Carlo Garavagno: "Via i tir da San Rocco Castagnaretta, la salute dei cittadini viene prima del business"

I residenti di San Rocco Castagnaretta, alle porte di Cuneo, soffocano per lo smog: il traffico internazionale di grossi tir non cessa, nonostante il divieto di accesso ai mezzi non autorizzati.

I controlli purtroppo latitano. E i residenti, in particolare bimbi ed anziani, si spaventano al passare dei grossi mezzi e alle pericolose vibrazioni che creano in una zona densamente urbanizzata. La situazione poi è al limite nella zona dell’incrocio semaforico di via Mellana, con l’attraversamento di centinaia di persone al giorno che accedono ai servizi della frazione, al centro commerciale, alle scuole dell’infanzia, primaria, media e ai campi sportivi parrocchiali.

Si vuol aspettare ad intervenire magari tre morti (come negli ultimi anni nel vicino incrocio tra corso De Gasperi - anche questo vietato ai grossi mezzi tranne per consegne locali - e via San Maurizio)?

In attesa della variante della Valle Stura, qui le soluzioni “esterne” di transito ci sono. Basta farle rispettare e non consentire ai tir di tagliare l’ingresso sud del capoluogo di provincia per risparmiare pochi km esterni di percorso, mettendo a rischio 10mila residenti dei quartieri di San Rocco Castagnaretta e San Paolo lungo corso Francia.

La vita delle persone viene prima del business.

Carlo Garavagno - consigliere comunale Cuneo

Al Direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
SU