/ Politica

Politica | 04 settembre 2019, 16:28

Fabiana Dadone, da giovane praticante avvocato di provincia al Ministero della Pubblica Amministrazione

Militante M5S della prima ora, succede nell’incarico alla leghista Giulia Bongiorno. Classe 1984, laureata in giurisprudenza, residente a Carrù, è stata praticante avvocato a Ceva ed è stata molto attiva sia nel volontariato che nelle battaglie degli albori del Movimento in provincia di Cuneo

Fabiana Dadone, da giovane praticante avvocato di provincia al Ministero della Pubblica Amministrazione

“Non esistono voci in merito”. Così ieri sera, alle 7,30, Fabiana Dadone, deputata 5 Stelle di Mondovì, rispondeva alla nostra provocatoria domanda circa la sua possibile presenza nel governo Conte 2.

In verità, nel porre il quesito pensavamo ad un posto da sottosegretario o al più da viceministro.

L’incastro delle caselle ministeriali ha invece fatto sì che fosse chiamata a ricoprire il dicastero della Pubblica Amministrazione fino a ieri l’altro gestito dalla leghista Giulia Bongiorno.

Così, anche per un equilibrio di genere, la Dadone è andata ad occupare il posto che in un primo tempo sembrava toccasse al collega di partito Nicola Morra. Classe 1984, laureata in giurisprudenza, residente a Carrù è stata praticante avvocato a Ceva ed è stata molto attiva sia nel volontariato che nelle battaglie degli albori del Movimento 5 stelle in provincia di Cuneo.

Suo, ad esempio, il ricorso che vide costretta la giunta di Mondovì a sciogliersi per problemi relativi alle quote di genere nel 2012.

Alle elezioni politiche del 2013 superando le "Parlamentarie" viene eletta nella circoscrizione Piemonte 2.

Già capogruppo della Commissione Affari Costituzionali, ha fatto parte del Comitato permanente per i Pareri, della Giunta per le Elezioni e della Commissione Parlamentare di Inchiesta sul fenomeno delle Mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Nell’autunno del 2014 viene designata vicecapogruppo vicario alla Camera del gruppo parlamentare 5 Stelle.

Supera nuovamente il test delle "Parlamentarie" dei  5 stelle per le elezioni politiche del 4 marzo 2018 e torna in Parlamento per la seconda volta.

Resta componente della I Commissione (Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni), della Giunta per le Elezioni e il 6 luglio del Comitato per la Legislazione della Camera dei deputati dove le viene assegnata la Presidenza.
Il 16 settembre 2018 Il Blog delle Stelle (organo ufficiale del MoVimento 5 stelle) annuncia in un post che Fabiana Dadone sarà il nuovo referente di Rousseau, la piattaforma di Gianroberto Casaleggio, per la funzione Scudo della Rete.

Prende il posto di Alfonso Bonafede, che passa il testimone a causa dei suoi impegni da Ministro della Giustizia italiano.

Il 25 giugno 2019, dopo essere stata scelta dal capo politico Luigi Di Maio del Movimento 5 stelle, viene votata dalla base degli iscritti per divenire Probiviro. Sì tratta di un collegio di 3 persone stimate incaricato di esprimere pareri autorevoli e di risolvere divergenze all'interno del Movimento 5 stelle.

Fabiana Dadone succede nell’incarico ministeriale a Giulia Bongiorno, esponente della Lega Nord, la giovane avvocatessa che a soli 27 anni assunse la difesa di Giulio Andreotti nel celeberrimo processo per mafia, riuscendo a farlo assolvere.

GpT

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium