/ Cronaca

Cronaca | 13 settembre 2019, 17:10

Rese note le istruzioni da seguire scrupolosamente per partecipare all’ultima ricerca di Renato Beitone, scomparso da 9 giorni a Paesana

L’appello del Comune, ma il sindaco precisa “Vengano solo persone allenate, equipaggiate e abituate a camminare in montagna”. Ritrovo all’unità di comando logistico, in Croce rossa a Paesana, alle 7 di domani, sabato 13 settembre

Il centro di coordinamento alla Croce rossa di Paesana

Il centro di coordinamento alla Croce rossa di Paesana

Come anticipato mercoledì, domani è prevista – a Paesana – l’ultima grande battuta di ricerca in località Santa Lucia della Vardetta, dove dallo scorso 4 settembre risulta disperso Renato Beitone, allevatore 65enne residente in centro paese.

Le ricerche sono state attivate già dalla notte del 4 settembre. Sino a domenica hanno coinvolto sul campo centinaia di persone. Da lunedì, invece, le risorse umane a disposizione sono diminuite, ma è comunque rimasto attivo, 24 ore su 24, il presidio dei Vigili del fuoco all’interno della chiesa della Vardetta. Sul campo, invece, seppur in numero ridotto, sono continuate le ricerche, con squadre a terra, elicotteri, unità cinofile e droni.

Dopo il vertice in Municipio tenutosi mercoledì sera, invece, l’unità di comando logistico è stata trasferita a Paesana, presso la sede della Croce rossa, presidiata 24 ore su 24 dai Vigili del fuoco.

In questi ultimi due giorni (giovedì e venerdì), pompieri, Soccorso alpino, Guardia di Finanza, Croce rossa e alcuni privati cittadini hanno ancora garantito supporto alle ricerche sui pendii della Vardetta e delle zone limitrofe.

Sono ancora stati utilizzati droni e unità cinofile, che però non hanno prodotto alcun elemento utile, nemmeno parziale.

L’APPELLO DEL COMUNE

Ad una settimana esatta dal primo appello, il Comune torna a chiedere l’aiuto, per la giornata di domani (sabato) di Associazioni e cittadini.

“Sarà l’ultima grande battuta di ricerca. – spiega il sindaco Emanuele Vaudano – Poi, come concordato con gli Enti preposti, sospenderemo le attività, trascorsi 10 giorni dall’ultimo contatto telefonico tra Beitone e i famigliari, che risale alle 15 circa del 4 settembre”.

LE RACCOMANDAZIONI

Vaudano, come già accaduto una settimana fa, ricorda perentoriamente quali sono le condizioni per partecipare alle ricerche: “Ben venga l’aiuto della gente, purchè si tratti di persone allenate, abituate a camminare in montagna, ben equipaggiate, con calzature idonee e abbigliamento in caso di calo delle temperature”.

LE ISTRUZIONI DA SEGUIRE SCRUPOLOSAMENTE

Il campo base delle ricerche sarà, per l’appunto, nei locali della Croce rossa di Paesana. Qui dovranno registrarsi tutti coloro che intendono prendere parte alle operazioni. Una volta comunicate le generalità al coordinamento, bisognerà attendere la composizione delle squadre, l’assegnazione di un area di ricerca e, eventualmente, la consegna di un apparecchio GPS.

Il ritrovo è previsto alle ore 7.

La strada di accesso alla Vardetta, quella che transita lungo i Beitoni e le Tanasse, rimarrà chiusa al traffico, accessibile soltanto ai mezzi di soccorso adibiti al trasporto in quota delle squadre di ricerca. La decisione, già assunta anche nello scorso fine settimana, è dovuta alle dimensioni della strada, decisamente stretta, ed al ristretto spazio di manovra una volta giunti alla Vardetta.

È quindi assolutamente vietato imboccare la strada comunale con auto private o comunque non autorizzate, già a partire dal bivio in cima al rettilineo della strada provinciale “Paesana-Crissolo”, a monte della frazione di Calcinere, per non imbottigliare la via d’accesso alla località Vardetta e per non ostacolare il transito delle navette.

Nicolò Bertola

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium