/ Cronaca

Cronaca | 14 settembre 2019, 10:08

Apicoltore di Entracque morì assiderato dopo 48 ore forse a seguito di aggressione, accusati di omicidio preterintezionale due vicini

Erano stati gli stessi vicini ad avvertire il fratello del morto Angelo Giordana. In passato l'imputato era stato denunciato per lesioni e minacce dall'agricoltore deceduto. Motivo delle liti, il passaggio nel sentiero sterrato che attraversa la borgata

Apicoltore di Entracque morì assiderato dopo 48 ore forse a seguito di aggressione, accusati di omicidio preterintezionale due vicini

Il corpo di Angelo Giordana era stato trovato il 20 gennaio 2017. Il 76enne agricoltore e apicoltore giaceva riverso nella cucina della sua cascina in “Tetti Dietro Colletto”, borgata a tre km da frazione Trinità, sopra Entracque. Erano stati i vicini S.G. e O.A. ad avvertire il fratello di Giordana che con la moglie e la figlia si erano subito recati dal congiunto, perché non avevano più visto l’apicoltore.

E le indagini condotte dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Cuneo, con la collaborazione dei colleghi di Valdieri, Entracque e Borgo San Dalmazzo, si erano concentrate proprio sui vicini che ora sono sotto processo in Corte d’Assise a Cuneo, dopo un’inchiesta durata oltre due anni, con l’accusa di omicidio preterintenzionale.

Secondo l’ipotesi d’accusa del sostituto procuratore Carla Longo, l’anziano sarebbe stata picchiato e colpito con un corpo contundente all’esterno della sua abitazione. L’uomo si sarebbe trascinato fino in casa, si sarebbe spogliato per togliersi i vestiti umidi e sporchi, restando completamente nudo, e così lo avevano ritrovato i famigliari. La morte sarebbe arrivata per assideramento dopo 48 ore giorni.

Durante il primo accesso i carabinieri attraversarono l’ingresso dell’abitazione aprendo una vecchia porta in legno, che era solo accostata, con la luce all’interno accesa. La temperatura interna era vicina allo zero: la pesante stufa in ghisa era spenta, la canna fumaria spostata dalla sua sede nel muro.

La stanza si trovava in un disordine “innaturale”: flaconi, una torcia, parti di pentole, prodotti per la pulizia da buttare, tantissimi ritagli di giornale, sacchetti e contenitori, parti di gommapiuma di materassi. Su un lato, il cadavere di Giordana, che presentava varie ferite. Accanto al corpo tracce di sangue.

Altre tracce ematiche furono trovate all’esterno della casa, sul sentiero. Il comandante Dainese della stazione di Borgo San Dalmazzo trovò abbandonato tra la stradina e il prato un bastone di legno lungo circa 90 cm imbrattato dal sangue di Giordana, ritrovato a poca distanza dal caseggiato, lungo la strada che porta alla provinciale. Secondo il maresciallo, “l’episodio non è avvenuto in un unico luogo ma lungo un percorso, con uno sviluppo dinamico”.

“Tetti Dietro Colletto” è una località molto isolata: l’unica casa abitata, a parte quella di Giordana, è quella di S.G., che vive da solo e che negli anni precedenti, dal 2004, era stato denunciato per lesioni, minacce e dall’agricoltore deceduto. Motivo delle liti, il passaggio nel sentiero sterrato che attraversa la borgata, che collega le abitazioni di Giordana e S.G.

O.A. era stato interrogato perché risultò essere la seconda persona residente nella frazione, e conosceva sia la vittima che S.G. In casa di O.A. i carabinieri sequestrato un asciugamano e una maglietta con macchie di sangue, che poi risultarono non appartenere alla vittima.

In aula era presente solo O.A., difeso dagli avvocati Francesca Quaranta e Vittorio Sommacal. Assente S.G., difeso dai legali Michele Parola e Federico Morbidelli. Costituiti parte civile nel processo sono i famigliari di Giordana, assistiti dagli avvocati Alessandro Bruno e Gabriella Chiapella.

Nella prossima udienza, fissata al 29 settembre, verrà ascoltato un cliente dell’apicoltore, dal quale acquistava il miele , insieme ai parenti di Giordana e al maresciallo Francesco Fazio, che ha acquisito le intercettazioni dei due imputati.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium