/ Attualità

Attualità | 20 settembre 2019, 17:54

"Infinitum": Mondovì scopre un capolavoro fatto di arte e tecnologia (FOTO e VIDEO)

Presentata nella mattinata di venerdì 20 settembre presso il Museo della Ceramica l'iniziativa voluta fortemente dall'amministrazione Adriano al fine di valorizzare la bellezza artistica della chiesa della Missione. L'inaugurazione ufficiale è prevista sabato 5 ottobre

"Infinitum": Mondovì scopre un capolavoro fatto di arte e tecnologia (FOTO e VIDEO)

Lo slogan che l'accompagna è "Un volo verso l'infinito", quasi a voler privare di qualsiasi parvenza di ermetismo il vocabolo "Infinitum", preso a prestito dal latino e atto a sottolineare l'imponenza di un'iniziativa annunciata da due anni a Mondovì e pronta, finalmente, a vedere la luce.

Con l'evento inaugurale in programma sabato 5 ottobre (orario ancora da stabilire) si accenderanno i riflettori sull'esperienza di visita alla chiesa di San Francesco Saverio, "La Missione", ubicata nel cuore del rione Piazza e impreziosita dal ciclo d'affreschi del pittore Andrea Pozzo.

L'iniziativa, voluta fortemente dall'amministrazione Adriano, è stata presentata ufficialmente nella mattinata di venerdì 20 settembre presso il Museo della Ceramica, che ha ospitato una conferenza stampa nella quale sono stati sottolineati "l'indispensabile contributo fornito dalla Fondazione CRC, che già tra il 2004 e il 2010 aveva finanziato il restauro dell'edificio, per un importo complessivo di 3,2 milioni di euro" e "l'allestimento realizzato dalla società genovese ETT, una delle maggiori realtà italiane ad operare nel settore della tecnologia, dell'informazione e della comunicazione, che per 'Infinitum' ha lavorato in raggruppamento temporaneo di imprese con ITUR, punto di riferimento per l'accoglienza turistica nel Monregalese, che per tre anni gestirà il servizio".

Fra i partner dell'iniziativa, figurano anche la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo e la Diocesi di Mondovì.

Installazioni illuminotecniche, schermi touch e realtà virtuale garantita da una quarantina di visori saranno gli avanguardistici supporti digitali attraverso i quali vivere in quattro lingue diverse (italiano, inglese, francese e tedesco) e in modo nuovo l'esperienza di visita, interagendo con lo spazio circostante e con i dettagli del capolavoro barocco firmato dal Pozzo.

"Per realizzare tutto questo - ha dichiarato il vicesindaco, Luca Olivieri - ci siamo ispirati alla massima 'Docere delectando' di stile gesuita. I padri gesuiti credevano che proporre messaggi religiosi e liturgici in maniera diversa per intercettare l'attenzione di fedeli distratti o non troppo istruiti fosse il percorso più opportuno da seguire. Oggi la tecnologia ci permette quasi di abbattere le barriere del tempo e di camminare al fianco del Pozzo, vederlo – poco più che trentenne - lavorare agli affreschi della chiesa dei Gesuiti di Mondovì. Si tratta, tuttavia, di un equilibrio molto delicato: è un gioco sottile tra tradizione e innovazione, che, se da un lato non deve cadere nel 'già visto', dall'altro non deve correre il rischio della spettacolarizzazione dell'opera d'arte".

"Andrea Pozzo Racconta", "Virtual Barocco", "Esplorando Infinitum", "Storia dell'anamorfismo" e "Le meraviglie della pittura": saranno queste le cinque esperienze proposte ai visitatori, che verranno coinvolti in un percorso dal forte impatto emozionale, adatto a tutte le fasce di pubblico e di età.

"Il percorso - è stato spiegato durante l'incontro - si suddivide in alcuni punti importanti. I caschetti di realtà virtuale potranno essere indossati in quattro zone di interesse particolari, con l'avatar di Andrea Pozzo, impersonato da un giovane attore, pronto a spiegarne ogni dettaglio".

Anche la Diocesi di Mondovì, rappresentata per l'occasione da don Beppe Bongiovanni, ha espresso il suo apprezzamento "per il valore artistico e culturale di 'Infinitum', che ha rispettato le origini e lo status di una chiesa aperta al culto e con un santo che la città annovera fra i suoi patroni, San Francesco Saverio, il cui nome fa da richiamo alla presenza dei gesuiti a Mondovì". All'interno della chiesa, inoltre, sono state interrotte di comune accordo con gli amministratori cittadini tutte le funzioni di culto.

Per quanto concerne infine i costi per il pubblico, il biglietto intero costerà 8 euro (noleggio visore compreso) o 10 euro (con aggiunta dello spettacolo illuminotecnico). Per quanto concerne i tagliandi ridotti, pagheranno 6 euro gli over 65 e i gruppi di persone comprese fra un minimo di 15 e un massimo di 25 (prenotazione obbligatoria), mentre costerà 3 euro l'ingresso per i ragazzi dai 6 ai 14 anni e alle scolaresche (minimo 15, massimo 25 alunni: prenotazione obbligatoria). Esperienza gratuita per i bambini fino a 5 anni e per i soggetti disabili e i loro accompagnatori, mentre il "Tilt Brush" prevede una spesa di 3 euro.

Sarà possibile richiedere l'accompagnamento di una guida abilitata e la realizzazione di attività didattiche anche al di fuori dell'orario di apertura, previa prenotazione. In tal caso, il prezzo della visita in lingua italiana sarà di 60 euro, mentre in lingua straniera sarà di 80 euro. I laboratori didattici saranno fruibili a partire da 5 euro.

"Infinitum" con l'orario invernale sarà aperto sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. L'orario estivo, invece, prevede i medesimi giorni d'apertura dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Per informazioni: 0174/553069, 389/2844372. In alternativa, inviare una mail all'indirizzo di posta elettronica info@infinitummondovi.it o collegarsi al sito www.infinitummondovi.it.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium