/ Attualità

Attualità | 20 settembre 2019, 11:36

“Il mio sogno era fare derapate sulla Luna con la jeep lunare”: l'astronauta Paolo Nespoli si racconta agli studenti della Granda (FOTO E VIDEO)

In 4mila al Pala UBI Banca per l'evento “Un giorno da astronauta” organizzato dalla Fondazione CRC. Proiettato il documentario “Expedition” con riprese di Alessandra Bonavina durate 1 anno e mezzo

“Il mio sogno era fare derapate sulla Luna con la jeep lunare”: l'astronauta Paolo Nespoli si racconta agli studenti della Granda (FOTO E VIDEO)


313 giorni, 2 ore e 36 minuti. È il tempo nello spazio di Paolo Nespoli, l’astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea che questa mattina ha incontrato 4mila studenti cuneesi al Pala Ubi Banca.

Il grande evento, “Un giorno da astronauta”, è stato il culmine delle iniziative organizzate nel 2019 dalla Fondazione CRC in occasione del 50° anniversario del primo allunaggio.

“Gli astronauti non sono supereroi. Io sono una persona normale - racconta Nespoli -. Ci facciamo male anche noi, se cadiamo male (Nespoli ha fatto ingresso con una stampella, ndr). Cerchiamo di usare la nostra passione, la nostra curiosità e la voglia di conoscere per andare nello spazio, anche se nello spazio non ci vado per divertirmi. Siamo dei lavoratori spaziali: dalle 7 del mattino alle 19.30 di sera facciamo di tutto e di più. Siamo un po' metalmeccanici, elettricisti, gruisti, idraulici, poi puliamo la gabbia dei topi, parliamo con il Presidente della Repubblica e con una scuola”.

Rispondendo ai ragazzi delle scuole ha raccontato il viaggio di un ragazzo di provincia che da piccolo voleva fare l'astronauta: “Alla fine con determinazione e costanza, ma anche fallendo spesso e volentieri, alla fine ce l'ho fatta. Sono un ragazzino dell'oratorio che ha realizzato un sogno”.

O quasi perchè il vero sogno di Paolo Nespoli da bambino era un altro: “Volevo fare le derapate sulla Luna con la jeep lunare, quindi questo sogno è ancora lì. Eccetto la passeggiata spaziale ho fatto tutto quello che si può fare nello spazio, ma se in futuro mi offrissero di fare una derapata sulla luna, perché no?”

Infine ha raccontato anche l'incontro con la giornalista Oriana Fallaci che l'ha spinto a realizzare il suo sogno: “La vita è una sequenza di avvenimenti. In Libano ho conosciuto Oriana, le facevo da scorta, l'ho portata in giro tenendola fuori dai guai. Si è instaurato un rapporto professionale e di amicizia. Lei un giorno mi chiese cosa volevo fare da grande. Le risposi che da piccolo sognavo di fare l'astronauta ma anche che era impossibile. Oriana mi disse di provarci, sono andato avanti e ci sono riuscito”.

Nel corso della mattinata è stato proiettato “Expedition”, il primo docufilm su una missione spaziale curato della regista Alessandra Bonavina. Infine un gruppo di ex studenti della scuola secondaria di primo grado di San Rocco Castagnaretta hanno presentato il progetto che li ha portati nello scorso aprile in Texas per partecipare alle finali mondiali della FIRST® LEGO® League, competizione internazionale a cui prendono parte un centinaio di Paesi del mondo.

All'evento hanno presenziato anche il presidente della Regione Alberto Cirio, il presidente della Provincia e sindaco di Cuneo Federico Borgna, il presidente della Fondazione CRC Giandomenico Genta, il direttore generale Acri Giorgio Righetti e l'AD di UBI Banca Victor Massiah.

Dopo l’emozionante esperienza vissuta l’anno scorso grazie alla presenza della figlia di Bob Kennedy, quest’anno celebriamo con gli studenti della provincia di Cuneo l’anniversario dell’allunaggio incontrando un personaggio eccezionale come l’astronauta Paolo Nespoli – spiega Giandomenico Genta, presidente della Fondazione CRC - . Come con la mostra “Destinazione Luna”, aperta fino a dicembre e fino a oggi visitata già da 10 mila persone, con questa iniziativa non vogliamo solo raccogliere l’eredità di un avvenimento che ha cambiato la storia dell’umanità, ma fornire uno spunto per riflettere sul rapporto tra uomo, spazio e ambiente e sulle tecnologie nate per lo spazio e oggi essenziali per lo sviluppo e il benessere dell’uomo sul pianeta Terra”.

cristina mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium