/ Attualità

Attualità | 20 settembre 2019, 12:00

Tartufo, via alla stagione del Bianco d’Alba sulle colline di Langhe, Roero e Monferrato

A mezzanotte stop al "fermo biologico". Un evento speciale al Pavaglione di San Bovo di Castino saluta il debutto di una nuova annata di raccolta che promette soddisfazioni per "trifolao" e gourmet

Foto Davide Dutto. Archivio Ente Turismo Langhe Monferrato Roero

Foto Davide Dutto. Archivio Ente Turismo Langhe Monferrato Roero

L’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba ha puntato su uno dei più celebri luoghi della letteratura fenogliana – la cascina Pavaglione di San Bovo di Castino – per organizzarvi l’appuntamento che questa sera, venerdì 20 settembre, accompagnerà le colline Unesco a salutare l’arrivo di una mezzanotte del tutto speciale.

L’occasione è "il debutto del tartufo", lo scoccare dell’ora nella quale – chiuso l’abituale periodo di fermo biologico – si aprirà ufficialmente una nuova stagione di raccolta del Tuber Magnatum Pico destinata poi a proseguire sino al prossimo 31 gennaio.

Per salutarla – di concerto con l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, il Centro Nazionale Studi Tartufo e il Consorzio Alta Langa, e con l’intervento dell’Unione delle Associazioni Trifulau Piemontesi – l’ente di promozione ha organizzato "Tuber Prime Noctis", evento per addetti ai lavori che si aprirà alle ore 20 con un convegno nel corso del quale il meteorologo Fulvio Romano e il direttore dell’Atl e dello stesso Centro Studi Mauro Carbone azzarderanno una previsione sull’andamento di una stagione che, considerato il clima particolarmente piovoso degli ultimi mesi e delle ultime settimane in particolare, sembra promettere particolari soddisfazioni sia per i trifolao che per i tanti gourmet attesi nelle Langhe durante le otto settimane della Fiera al via il prossimo 5 ottobre.
Scoccata la mezzanotte, dopo un beneaugurante brindisi a base di Alta Langa, ci si sposterà nei boschi delle vicine campagne per una prima cerca dell’annata.  

I 40 ANNI DELLA DOLCETTO D’ALBA DOC
Domani, sabato 21, Ente Fiera e Atl si sposteranno in città, presso i locali della Scuola Enologica "Umberto I", per "L'Alba del vino. La vendemmia del dolcetto", uno speciale appuntamento nel quale le cantine albesi racconteranno i 40 anni della Doc Dolcetto d’Alba.

IN SAN DOMENICO INAUGURA LA MOSTRA SU GALLIZIO
Alle ore 12, presso la chiesa di San Domenico (via Teobaldo Calissano), si terrà invece l’inaugurazione della grande mostra “Per un rinnovamento immaginista del mondo. Pellizza da Volpedo (Taner Ceylan), Pinot Gallizio (con Constant, Giorgio Gallizio, Asger Jorn, Jan Kotik e Piero Simondo), Mario Merz”, a cura di Carolyn Christov-Bakargiev e Caterina Molteni, che sarà poi aperta al pubblico dal giorno successivo, domenica, 22 settembre, e fino al 10 novembre (qui tutti i dettagli).

E. M.

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium