/ Politica

Politica | 09 ottobre 2019, 11:00

Accertata l’insussistenza di cause di ineleggibilità, incompatibilità o di incandidabilità per i 51 consiglieri dell’XI legislatura

La “Giunta per le elezioni, le ineleggibilità, le incompatibilità e l’insindacabilità” è presieduta dall'ex sindaco di Alba Maurizio Marello

Maurizio Marello

Maurizio Marello

Nel corso della seduta del Consiglio regionale di ieri (8 ottobre) il consigliere Maurizio Marello (Pd) è intervenuto in rappresentanza della Giunta per le elezioni, le ineleggibilità, le incompatibilità e l’insindacabilità, da lui presieduta.

La Giunta ha esaminato la condizione di ciascuno dei consiglieri eletti a seguito delle elezioni del 26 maggio 2019, per accertare se sussistano cause di ineleggibilità o incompatibilità nei loro confronti.

Ai sensi dell’articolo 18, comma 3, del Regolamento interno del Consiglio regionale, la Giunta per le elezioni deve presentare le proprie conclusioni al Consiglio entro 90 giorni dalla proclamazione.

Per una buona parte dei consiglieri, 35, è stata subito esclusa la necessità di svolgere approfondimenti istruttori, in quanto hanno dichiarato di non ricoprire o di non avere ricoperto alcuna carica, ovvero di ricoprire cariche elettive non incompatibili, o, infine, di avere ricoperto cariche elettive incompatibili, ma di esserne cessati.

Alcuni Consiglieri avevano dichiarato cariche per le quali l’approfondimento ha riguardato l’erogazione di eventuali sovvenzioni da parte della Regione Piemonte e a tal fine è stato loro richiesta copia di documentazione dalla quale risultasse l’erogazione o meno di sovvenzioni da parte della Regione Piemonte.

In due casi non sono, invece, stati svolti ulteriori accertamenti in relazione alle cariche ricoperte in quanto è stata esclusa la possibile sussistenza di cause di incompatibilità per il tipo di carica rivestita o per la natura dell’ente. Per quelle situazioni, due, nei quali i Consigliere avevano dichiarato di ricoprire cariche elettive incompatibili, si è proceduto alla verifica della cessazione dalle cariche incompatibili.

Al termine della fase istruttoria, avendo accertato per ognuno di essi l’insussistenza di cause di ineleggibilità, incompatibilità o di incandidabilità, la Giunta per le elezioni, in data 3 ottobre 2019, ha deliberato all’unanimità la proposta al Consiglio regionale di convalida dell’elezione dei 51 consiglieri regionali dell’XI legislatura.

Il Consiglio ha approvato all’unanimità tale deliberazione.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium