/ Politica

Politica | 16 ottobre 2019, 11:01

"Un cecchino su ogni tetto": la minoranza albese all’attacco sul discusso commento social dell’assessore alla Sicurezza

La sortita dopo aver condiviso notizia della rapina al titolare del Bar Cristallo. Uniti per Alba: "Toni da sceriffo. Porteremo la vicenda nelle sedi istituzionali". Marcarino: "Strumentalizzazione di una battuta dal chiaro intento ironico, io vado avanti per dare risposte ai cittadini e alla loro richiesta di maggiore sicurezza"

"Un cecchino su ogni tetto": la minoranza albese all’attacco sul discusso commento social dell’assessore alla Sicurezza

"I gruppi consiliari di Uniti per Alba si dissociano e prendono le distanze dal post, 'un cecchino su ogni tetto', pubblicato su Facebook dall’assessore Marcarino commentando un recente episodio di furto avvenuto in città.
Troviamo questa frase gravissima e inaccettabile da parte dell’assessore alla Sicurezza e alla Polizia Municipale. Non è con toni da giustiziere locale o sceriffo che si affronta un tema cosi delicato e sentito dalla cittadinanza.
L’amministrazione comunale deve dare avvio e portare a compimento, nel più breve tempo possibile, il progetto della Videosorveglianza agli ingressi della città con il monitoraggio delle targhe. Si tratta di un sistema innovativo in collegamento con la Polizia di Stato, che è stato ancora elaborato e finanziato dall’amministrazione Marello. Pertanto porteremo nelle sedi istituzionali la vicenda affinché anche il sindaco Bo prenda atto che Alba merita molto di più dai suoi amministratori.".

Con questa nota la minoranza di centrosinistra albese interviene in merito a una polemica nata sui social e da lì arrivata in queste ore ad animare il dibattito politico cittadino.

A scatenarla un commento scritto sulla propria pagina social dall’esponente leghista, che nella giornata di lunedì, 14 ottobre, aveva condiviso la notizia pubblicata da "La Voce di Alba" circa il grave fatto di cronaca di cui poche ore prima era stato vittima il titolare del Bar Cristallo di corso Langhe, aggredito e rapinato da tre balordi a volto coperto prima dell’apertura mattutina del suo locale.

A fare discutere non è stata la proposizione d’intenti con la quale l’assessore aveva accompagnato la condivisione ("Siamo stufi di questi continui furti – aveva scritto –. È allo studio un progetto di videosorveglianza per tutta la città e non solo. Credo che in primavera ci saranno i primi risultati. Telecamere intelligenti gestite dalle forze dell'ordine. Anche i privati cittadini potranno dotarsene e dare in gestione la sorveglianza alla centrale operativa dei vigili albesi che siamo in procinto di realizzare. Sarà non solo una soluzione repressiva ma anche un deterrente per gentaglia parassita"), ma la successiva risposta ("Un cecchino su ogni tetto", appunto) con la quale aveva poi risposto al primo commento di un utente, tale Giuseppe Succo, che aveva scritto "5.000 volt la miglior cosa! Forse da sperimentare?".  

Una sortita, quella di Marcarino, di cui la minoranza intende ora chiedere conto al sindaco Bo, mentre lo stesso assessore respinge quella che ritiene la "strumentalizzazione di una battuta che aveva un chiaro intento ironico": "Il mio pensiero era chiaramente espresso in quel primo, più ampio brano, dove ricordavo come in questi primi mesi di impegno in municipio ho lavorato a una decisiva implementazione del progetto di videosorveglianza che la precedente Amministrazione aveva potuto mettere in campo grazie ai fondi stanziati dal ministro Salvini. Il centrosinistra finge di non vederlo e, priva di altri argomenti, si attacca al nulla di una battuta su Facebook. Io vado avanti fiero sulla strada che ogni giorno mi viene indicata dai cittadini e rispondo a loro, che quotidianamente mi chiedono di impegnarmi per garantire maggiore sicurezza a loro e alle loro famiglie".

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Загрузка...
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium